Recensione “In viaggio con Emilie” di Giorgia Casesi

 

 

 

Pietro e Guendalina sono finalmente in vacanza: la macchina è pronta, i bagagli caricati e la Svizzera il loro punto d’arrivo. Con loro, seduta al proprio posto nel seggiolino, viaggia Emilie. La piccola è speciale, non a caso attira sempre gli sguardi e le perplessità di chiunque graviti attorno alla coppia. La donna non perde occasione per mostrare con orgoglio la sua Emilie, sotto lo sguardo paziente del marito, e si rifiuta in maniera categorica di separarsene per qualsiasi ragione. Tuttavia, una sera, Pietro convince sua moglie a lasciare Emilie alle cure di una babysitter, innescando così un’imprevedibile catena di eventi.

Un libro sulla maternità, anzi il suo lato opposto.

La mancanza di “due braccia piene” e l’affetto verrà riposto altrove e su altro.

Un libro che mi ha fatto porre molti interrogativi, dando risposte ambivalenti, contrapposte e mi ha destabilizzando non poco.

Un libro dove si nasconde molto, dove dietro ad un abbraccio c’è molto dolore, dove in parole non dette ci sono lacrime che straziano un cuore.

Guendalina e Pietro, una coppia con un iter “ospedaliero” non indifferente, dove la caparbietà e l’ostinazione, la voglia e il desiderio di diventare genitori offuscherà il senso della ragione.

“Ho sbagliato a volerti vedere con le braccia piene. Anche tu lo sai.”

Sono stata giorni a meditare, a sentirmi fortunata, a capire come un affetto negato sfocia in un affetto irreale.

Da leggere assolutamente.

ELEONORA

 326 total views,  1 views today

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *