Review Party “Ti amo come il primo giorno” di Fabiana Andreozzi

 

 

Christopher Jansson è il tastierista degli Eternal Damnation, Camilla l’uragano che l’investe all’improvviso…
Lui la ama dal primo giorno e la vuole nel suo mondo, lei la vita l’aggredisce giorno dopo giorno perché vive di attimi.
Lei scappa, lui la insegue.
Lei torna, lui cerca di trattenerla.
Lui la ama, lei fugge…

«Camilla» ripete ancora con un tono che sembra incredulo, mentre questa pioggia ci inzuppa, ed è come se mi avesse gettato un incantesimo e avessi perso le parole… e io non sono mai a corto. Le sue dita fredde mi sfiorano le guance congelate, facendomi rabbrividire. È come se avesse bisogno di toccarmi perché dubita che io sia qui veramente. Le labbra si piegano in un sorriso, mentre lui prende a scuotere la testa. «Sei davvero qui?»

Vi ricordate gli Eternal Damnation? Vi ricordate il bel vichingo che suona la tastiera? Io me lo ricordo perfettamente e dopo aver letto questo libro, di sicuro rimarrà nella mia memoria a lungo.

Dopo aver letto la trama, ero stra convinta che sarebbe stata una lettura piena di lacrime, ma mai avrei immaginato quante in realtà ne ho versate.

Una storia d’amore bella e complicata, dove il passato crea barriere e muri sul presente e sul futuro, un continuo scappa che ti riprendo che non porta mai all’eccitazione della “caccia” ma solo ad un frantumarsi di cuori, e incertezze su incertezze.

Chris, un animo gentile, un ragazzo pieno di amore e sentimenti, che continua a correre dietro a Cam, una ragazza piena di paure che non le fanno vivere serenamente il presente e tanto meno pensare al futuro.

Può l’amore bastare a ricostruire due anime spezzate?

Tanti avvenimenti che si accavallano l’uno sull’altro, il destino a volte crudele, che mette i propri paletti per delineare il futuro dei protagonisti.

Un crescendo di emozioni che ti fanno stare con il fiato tirato per tutta la lettura, fino ad arrivare alla parola fine con gli occhi gonfi di lacrime e il cuore pieno d’amore.

Che dite, vale la pena di leggerlo? Io direi proprio di sì, perché l’autrice ha fatto strike un’altra volta.

Scrittura scorrevole, pulita, precisa e talmente tanto curata che riesce a farti immergere nei luoghi da lei descritti, ti fa provare emozioni forte, vere e autentiche!

ELEONORA

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *