Recensione “Vivienne” di A.M. Hargrove

 

 

 

Vivienne Renard: un tuffo nel passato non avrebbe dovuto avere un effetto simile su di me.

Dieci anni prima, quando l’avevo conosciuta, non era altro che un cervello molto avanzato e piuttosto utile.

Diamine, l’avevo pagata per farmi i compiti.

Tuttavia, adesso… è stupenda da mozzare il fiato, ma ha avuto il coraggio di rifiutare di uscire con me… diverse volte.

Nessuno può rifiutare me, Prescott Beckham, per nessuna ragione.

Ho un obiettivo e non mi fermerò finché non mi troverò tra le sue cosce e la sentirò gemere il mio nome.

Le sue labbra rosse e carnose sono la causa dei miei sogni erotici e mi inducono a comportarmi come un ragazzino alle prese con la sua prima cotta.

Se non posso averla, allora nessun altro potrà.

La cosa peggiore è che desidero possedere ogni parte di lei.

Tuttavia, c’è un piccolo problema.

Vivi non mi sopporta.

Anche la storia dei “vecchi amici” è fallita.

Ha detto che non lo eravamo mai stati, ma io sono il re dei giochi senza scrupoli.

Farà meglio ad essere pronta, perché Vivi finirà nel mio letto… prima o poi.

Sono piuttosto sicuro che accadrà prima di quanto lei possa immaginare.

A volte i libri si scelgono per caso, titolo e trama sicuramente giocano un ruolo importante. Questo libro l’ho scelto per puro caso da una lista.

Un bel libro, dalla giusta lunghezza, dal giusto spessore, protagonisti definiti magistralmente, dialoghi e ambientazione semplice e ad effetto.

Due ex “amici” che si ritrovano a distanza di anni, in circostanze diverse e opposte.

Se dapprima lei era la secchiona e cicciona della scuola pronta a dare una mano con i compiti dientro ricompensa, adesso lei non accetta aiuti da nessuno, laureata e “posteggiata” in un bar in attesa dell’impiego dell’anno.

Prescott che da adoloscente pagava per farsi fare i compiti adesso plurimiliardario imprenditore.

Una storia che sembra cadere nel classico clichè, lui ricco lei bella e povera, un brutto anatroccolo trasformata in Cenerentola, eppure i drammi di entrambi i protagonisti arricchiscono e definiscono la storia.

Lui e il senso di abbandono, lei e la caparbietà di riscattarsi nella vita.

Una bella sfida da accettare… e vincere?

Lui ama le sfide, ma lei anche.

Un tira e molla molte volte ironico e spassoso, i rifiuti di lei estenuanti, la caparbietà di lui di conquistarla.

“Chi sei e che cosa ne hai fatto di Prescott Beckham? – Penso che, forse, Vivienne Renard lo stia trasformando in un uomo migliore.”

Mettersi a nudo, confessare il proprio passato, portarsi sullo stesso emotivo, e mettere il cuore nelle sue mani.

“Sei come una canzone. La prima volta che ti ho visto ho sentito qualche nota, ma ogni volta si aggiungevano armonie più complesse e adesso mi ritrovo con una melodia intricata, che diventa ogni giorno più bella… Voglio sentire la tua canzone.”

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA