Recensione “Un posto sicuro” di jay Northcote

 

 

 

Dove vai quando casa tua non è più un posto sicuro?

Alex sta per compiere diciotto anni, e non si è ancora dichiarato. Ha continuato ad aspettare il momento giusto, in attesa di fuggire all’università e uscire finalmente allo scoperto, lontano dall’influenza dell’oppressivo padre omofobo. Quando fallisce agli esami si ritrova bloccato nella piccola città di Porthladock; peggio ancora, a lavorare per suo padre. L’unica cosa che rende sopportabile la situazione è Cam.

Cam è a suo agio con la propria bisessualità, ma non la sbandiera. Giovane, libero e single, la sua vita sociale gira attorno al rugby e al tempo passato con gli amici. È attratto da Alex, ma i loro sei anni di differenza lo rendono cauto. Inoltre pensa che Alex abbia bisogno di un amico più di quanto non abbia bisogno di un innamorato, e man mano che la loro amicizia cresce, decide che non è il caso di metterla a rischio per del sesso occasionale.

Quando il padre scopre il suo orientamento, Alex si ritrova all’improvviso senza lavoro e senza casa. Trova un impiego al Rainbow Place, la caffetteria LGBT-friendly locale, e Cam gli permette di stare nel suo appartamento per un po’. Ma Alex preferirebbe dormire nel letto di Cam piuttosto che sul divano. Vivendo sotto lo stesso tetto, i loro sentimenti reciproci si fanno più forti e la tensione sessuale diventa difficile da ignorare. Cedere finirà forse con il rovinare la loro amicizia e complicare ancora di più le cose, per Alex?

L’omofobia è il fultro del romanzo. La causa della perdita di casa di Alex e quel posto sicuro che viene a mancare manderà in crisi uno dei protagonisti.

Ritrovare a credere nella vita, negli affetti, nell’amicizia e anche nell’amore sarà l’obiettivo principale in gran parte del libro.

La storia d’amore non “consumata” subito, si svolge lentamente, si sveleranno i sentimenti profondi e con calma il cuore riuscirà a riaprirsi.

A giocare anche un ruolo importante in questo amore sarà anche la differenza d’età tra Alex e Cam, la differenza degli obiettivi lavorativi e la serenità mancante in uno dei due.

Una bella lettura, dove si dà spazio all’amicizia, a quei valori che nella vita quotidiana sono punti di riferimenti, come casa e lavoro.

Mi è piaciuto anche il modo in cui il libro tratta il tema dell’omofobia, con molto tatto direi.

Lo consiglio.

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *