Recensione “Train Wreck” di T. Gephart

 

 

 

«Nessuna passione, nessuna emozione, nessuna originalità. Un disastro di proporzioni epiche». Sono queste le parole che la critica ha riservato alla mostra di quadri di Eve Thorton. Nemmeno la laurea in Belle Arti conseguita a Yale o il conto in banca di suo padre l’hanno potuta salvare dalle recensioni negative.
Ma il fallimento non è qualcosa che Eve può accettare. Nemmeno un po’. Certo, il primo istinto sarebbe quello di disintegrare ogni critico che l’abbia stroncata, ma a quello penserà più tardi. Ora è il momento di dimostrare a tutti di non essere una borghese annoiata con più denaro che talento. Gli farà vedere di cosa è capace, anche a costo di sporcarsi le mani.
Quando però la sua corsa verso il riscatto si scontra con Josh Logan, sexy e talentuoso tatuatore del Queens, Eve capisce che effettivamente sporcarsi le mani può assumere un significato inaspettatamente piacevole.
Josh possiede un dono che a Eve manca: ha infatti la capacità di riportare sulla pelle ciò che lei non riesce a trasmettere nei propri dipinti. Tutto ciò che deve fare è convincerlo a condividere la sua incredibile genialità, mostrandole il suo lavoro e mettendosi a nudo. In tutti i sensi.
Solo in questo modo potrà tornare alla sua vita di sempre, finalmente riscattata.
Il piano di Eve procede filato come un treno. Peccato che i suoi progetti abbiano l’abitudine di deragliare…

Finalmente… Un romance sobrio, divertente, estremamente intrigante e tanto tanto sensuale.

Partiamo dal fatto che amo i tatuaggi, sono la mia ossessione e trovare un libro in cui il protagonista è un tatuatore, beh, mi ha fatto immensamente piacere, ma quello che soprattutto mi ha colpito è stata la facilità con cui sono arrivata alla fine e la spensieratezza che l’autrice riesce a trasmetterti attraverso le parole. Una storia che scorre via sotto gli occhi, senza troppi drammi, con l’amore che ne fa da padrone e la sensualità di alcune scene che prendono il sopravvento sull’ormone. Scene mai volgari, ma scritte talmente tanto bene, da aggredire positivamente l’immaginazione del lettore.

Una scrittura scorrevole e precisa, una trama senza nulla di spettacolare, ma che comunque riesce a tenerti incollata alla pagine.

I nostri protagonisti sono agli antipodi. Lei ricca e in preda al blocco dell’artista e lui, un uomo che si è fatto da solo che vive per l’arte e che riesce a mostrare tutto l’arcobaleno dei sentimenti attraverso di essa. Un incontro non proprio casuale che porta i nostri due protagonisti a provare sin da subito quell’attrazione che solo due calamite possono provare. Che solo due persone destinate a provare cosa sia l’amore possono sentire.

Una storia d’amore che nasce e cresce con i suoi alti e bassi, sentimenti contrastanti che si insinuano nelle menti di Eve e Josh, una magia di due corpi che solo l’amore riesce creare.

La cosa che più mi ha colpito è proprio Josh. Un tatuatore con più colore sulla pelle che altro, un fisico statuario, quasi un biker da come viene descritto, che ha una bontà d’animo e una dolcezza fuori dal comune, diciamocelo, il tipo d’uomo che ognuna di noi vorrebbe al suo fianco. Penso di essermi innamorata follemente di lui a pagina tre o quattro…

Un libro che sicuramente lascia il segno. Una lettura che merita veramente l’attenzione, ma soprattutto, una lettura che ti fa desiderare all’istante il secondo volume, perchè se Eve e Josh ti entrano nel cuore, penso che i prossimi due protagonisti non saranno da meno!!!

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *