Recensione “Sepnir” di Paola Velo

 

 

 

 

Sepnir e il suo padrone Phobos hanno vissuto secoli insieme, tra missioni di spionaggio, intrighi e intensi momenti felici, fino a quando Aidan, l’amante perduto di Phobos, non è tornato dal mondo dei morti. Essere tutto a un tratto un famiglio trascurato non è facile e lui deve abituarsi a condividere il suo padrone, ma farlo con l’uomo che odia di più al mondo, potrebbe essere un’impresa impossibile.

Soprattutto per qualcuno che ritiene ben più utile sfruttare quelle energie per dimostrare a Phobos che solo lui, con la sua coccolosità acuta e psicosi assassina grave, è in grado di riempire il suo cuore.

 

Buongiorno guys,

Per iniziare il mio percorso all’interno del blog parto col botto, una piccola chicca che spero apprezzerete tanto quanto ho fatto io, ovvero Sepnir, novella della serie “La convergenza” di Paola Velo, edita per Quixote edizioni.

Questa è stata la lettura di cui non sapevo di aver bisogno, l’ho amata profondamente ed è stata un vero toccasana, ha dato il giusto apporto libroso ed alzato l’asticella del gradimento tra le mille letture che non mi avevano preso o che non mi avevano convinto al 100%.

È stata divertente, emozionante e adrenalinica, tutto in pochissime pagine, insomma, il talento della Velo scaturisce da ogni riga di questo libro.

Se pensiamo, poi, che il protagonista della novella è un animale, ovvero Sepnir, il famiglio di Phobos, non posso far altro che inchinarmi alla sua bravura, perché è riuscita a creare un piccolo capolavoro, che mi ha permesso di ridere, gioie e sospirare, insieme ad un serpentello.

Nella sua bio scrive che: “l’unica cosa che veramente conta per lei è suscitare qualcosa con le sue parole, che sia una risata, un sospiro o una lacrima di commozione. Oh sì, anche un’imprecazione.” e vi assicuro che ci è riuscita al 100%, senza se e senza ma, perché ho provato tutto!

Inoltre, mi ha permesso di scoprire di più dei personaggi del primo volume attraverso gli occhi di Sepnir e l’ho apprezzato immensamente.

Ovviamente, essendo una novella non può essere letto come uno stand-alone, ma io vi consiglio assolutamente tutta la serie, anzi, a breve uscirà il secondo capitolo ed io non vedo l’ora.

Leggete questo capolavoro di serie, non ve ne pentirete!

ELEONORA

 

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *