Recensione “Lezioni di convivenza” di Chiara Venturella

 

 

 

 

Rick ha imparato una lezione nei suoi ventisette anni di vita: non sfidare la sorte. Perché gli è andata già bene una volta, nei tre anni in cui Elizabeth è stata sua coinquilina al college: contro qualsiasi pronostico non sono mai finiti a letto insieme e sono, invece, diventati molto amici. Come rifiutarsi, però, di ospitare proprio la sorellina della sua migliore amica, rimasta senza alloggio al campus? Di certo, non può disturbare Elizabeth, che è in viaggio di nozze, e per giunta incinta. In fin dei conti, si tratta solo di qualche giorno. Non aiuta che Kimberly si rifiuti di raccontare la causa dell’espulsione dalle Gamma Delta Nu e, soprattutto, che riesca a esasperarlo come mai nessuno prima.La conosce da quando lei era ancora alle scuole medie, ma trovarsela mezza nuda per casa rende difficile continuare a considerarla solo una ragazzina.Avere una donna come coinquilina non è semplice, soprattutto se sfidi la logica e il buon senso e smetti di fingere di non essere pazzo di lei.


Frizzante e allegro, una divertente scoperta.

Un romanzo dalla lettura facile e scorrevole, da leggere in poche ore in un pomeriggio qualunque, un romanzo che ti tiene il sorriso in bocca e l’aria sognante come solo l’amore fa.

Una convivenza provvisoria e non prevista, un’attrazione da soffocare fin da subito, battibecchi perenni e l’ombra di un rapporto di amicizia che disturba.

Kimberly e Rick, sei anni di differenza, ed Elisabeth in comune, sorella di lei, migliore amica di lui, e quel loro rapporto strano, da apparire a distanza di anni ambiguo e con qualche surplus.

Kim da sempre innamorata di Rick, ha cercato invano di superare la cotta adolescenziale, Rick attratto dalla piccola Kimberly, da sempre frenato dal rapporto di profonda amicizia con Liz.

I paragoni con la convivenza precedente sono all’ordine del giorno, la gelosia di quei contatti, di quell’intimità e complicità, portano qualunque conversazione a  sfociare in una guerra aperta ma, come ben si sa, il fuoco vicino alla paglia brucia, così l’attrazione tra i due sfocia più forte che mai, instancabile e furtiva.

“Quando ti ho detto che non sei Liz, intendevo dire che non l’ho mai desiderata nel mio letto tutta la notte, come ho pensato di fare con te”.

Ma se oltre all’attrazione, l’amore fa da sottofondo? “Presi il primo lungo respiro, dopo settimane di apnea, quando mi strinse forte come solo lei faceva.”

Un romanzo da scoprire, una storia che ti farà innamorare di un Rick che non ama convivenze, rapporti a distanza e soprattutto duraturi, il suo dover mentire ai suoi migliori amici per tutelare Kimberly.

Consigliatissimo.

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *