Recensione “La guerra dei templari” di K.M. Ashman

 

 

 

Un vento di guerra soffia verso la Terrasanta e tutto il regno di Gerusalemme teme un’immi­nente invasione da parte delle orde di Saladino. Voci, infatti, parlano di guerrieri saraceni che hanno già devastato con la loro furia città e villaggi. E così il panico si diffonde rapi­damente, come un male oscu­ro che serpeggia fino al trono di Baldovino, il re adolescente afflitto dalla lebbra. Nel tenta­tivo disperato di contrastare la minaccia, il sovrano si rivol­ge all’unico uomo in grado di scoprire le reali intenzioni di Saladino. Perché nessuno sa davvero dove si trovino le for­ze nemiche e quando abbiano intenzione di colpire. E, con l’esercito impegnato a nord e i templari dispersi a sud nel ten­tativo di difendere il confine, il cavaliere Thomas Cronin è l’ul­tima speranza che resta. Cronin non ha molto tempo se vuole scoprire dove si sta radunando l’esercito nemico. Riuscirà a tra­smettere le informazioni al re per impedire la caduta di Geru­salemme?

La storia una grande certezza per noi postumi, un’incognita per il tempo vissuto.

Battaglie e vittorie si susseguono in questo libro, l’adrenalina sul campo, sangue e soldati che hanno la parte dei protagonisti.

Strategie d’altri tempi, Thomas è l’ultima carta su cui puntare.

Appassionante romanzo storico e d’avventura, entrano in gioco parecchi personaggi e ognuno di essi dà il giusto contributo, arricchendo il romanzo e non rendendolo pesante o lungo.

La dinamicità della scrittura ha una cadenza simile alle avventure, scorrevole, adrenalinica, la giusta suspense per quelle battaglie tutte da combattere.

E Gerusalemme?

L’attacco al potere, la caduta della città, collaborazione e colpi di scena rendono il romanzo avvincente, un colpo grosso per Ashman, i richiami storici sono impeccabili, l’era protagonista una delle migliori scelte; cosa aspettate?

Libro in mano, anche in spiaggia per questa lettura che vi poterà indietro nel tempo a combattere per Gerusalemme.

ELEONORA

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *