Recensione “Jordan + April” di Anita S.

 

 

 

 

 

 

Jordan Dubois è un professore universitario segnato da un matrimonio finito in tragedia. È deciso a non lasciare spiragli al suo cuore per paura di essere ferito di nuovo. Nessuna illusione, nessun coinvolgimento e nessun dolore.

April Spector è una studentessa di giornalismo che sta cercando di scappare da una vita che le va stretta e da un padre che la soffoca. Si incontrano una sera per caso e condividono un momento di sfrenata e intensa passione, alimentata dal fatto di essere due perfetti sconosciuti. Nessuno dei due immagina che il destino ha in mente di farli incontrare ancora, nella stessa aula e nello stesso palazzo. E mentre dovranno fare i conti con i fantasmi del proprio passato e con gli ostacoli del presente, riusciranno anche a tener a bada il desiderio alimentato dalla loro attrazione?

Può una semplice attrazione scatenare così tante emozioni e pensieri? Può una sola notte sconvolgere l’esistenza?

Jordan professore universitario incontra in un locale una ragazza sfacciata “un misto di innocenza e pericolo”, sesso per una notte questo è il pensiero di entrambi, ma il destino ha in serbo un piano ben congegnato.

Si ritrova April nell’aula del suo seminario, una studentessa di giornalismo riuscirà a resistere?

“E’ bella come il peccato ed io non ho più la forza di resistere”, “Avevo un equilibrio prima di conoscerti, April. Ora sono solo un cumulo di pelle e ossa con un cuore che batte forte quando ti vede e un casino nella testa”.

Libro scritto quasi interamente dal pov maschile, la scrittrice alla fine ci ha regalato qualche capitolo dal punto di vista di April, Jordan ci trascina in questo sentimento impetuoso e sbagliato per la sua studentessa, la sua resistenza, la sua passione, il suo amore che cresce, il suo passato che incombe, un passato che lo tiene ancorato ad un filo invisibile. Ho visto la sua sofferenza, la sua impotenza di fronte ad April, la sua rassegnazione. “Tu, April, illumini d’amore il mondo intero in ogni piccolo gesto, con ogni sguardo. Io vedo questo quando ti guardo. L’amore è la tua passione”, “Non riesco a fare a meno di te… Mi consumi, dannazione.”

Un amore passato ancora in vita, un padre dispotico, la relazione professore-studentessa, tutto è sbagliato, tutto porta alla sua fine.

Ma l’amore riesce ad aspettare? L’amore riesce a superare anche la morte?

Un libro da scoprire, un libro che regala emozioni, una passione travolgente, un amore genuino, bugie, colpi di scena, decisioni, un mix ben assortito.

Devo ammettere che ho trovato qualche refuso, ma non ha tolto gusto alla lettura, l’unica pecca è che qualche argomento è stato solo accennato senza aver trovato la giusta collocazione, fine o soluzione, ma nel complesso la storia è veramente intrigante.

La protagonista femminile non mi ha lasciato molto sognare, Jordan invece l’ho adorato.

La Primavera è arrivata anche per il tuo cuore. La frase satellite di questo libro.

Lo consiglio altamente.

 455 total views,  2 views today

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *