Recensione “Il modo giusto per sbagliare” di Lexi Ryan

 

 

 

Le voci sono vere. La mia vita è un casino totale, per non parlare della mia fortuna in amore: mamma single. Sì, sono impegnativa.

Pensavo che la cosa peggiore del mio ritorno a Jackson Harbor fosse subire i pettegolezzi della gente. Ho dovuto imparare a tenere la testa alta e stupide maldicenze vecchie di dieci anni non mi fanno paura. Eppure mi sbagliavo: la parte più difficile è resistere al mio capo. Brayden Jackson è alto, moro, bellissimo. E grazie a una notte di fuoco risalente a sette mesi fa, so esattamente cosa mi sto perdendo quando lo respingo. Ogni delizioso centimetro del suo corpo. Devo prendermi cura di mio figlio e cercare di tenermi il lavoro, quindi continuerò a rifiutarmi. Ma la mia sfortuna non ha intenzione di mollarmi, e all’improvviso io e il mio prezioso quattrenne ci ritroviamo senza una casa. Per di più, a Natale. È per mio figlio che accetto l’offerta di Brayden di stare da lui. Una dopo l’altra le mie difese stanno cadendo. Se Brayden fosse furbo scapperebbe, perché è solo questione di tempo: presto si accorgerà che si merita di più di quello che può offrirgli una ragazza come me. A meno che, per una volta, la fortuna non stia cominciando a girare.

“Sgualdrina, baldracca e puttana” sono gli epiteti che Molly si porta dietro da tutta la vita. Ritornare nella sua città d’origine e ritrovare quella ritrosia nei suoi confronti è un duro colpo.

Il libro si apre con una notte di passione “da dimenticare”, sette mesi prima, tra capo e dipendente.

“Uno sbaglio. Se davvero lei fosse un errore, sarebbe l’unico errore che sono disposto a ripetere.”

Portare e mantenere il rapporto sul piano professionale è l’unica soluzione.

Ma uno sfratto la vigilia di Natale costringerà Brayden e Molly a stare sotto lo stesso tetto, e la passione sopita?

Farà un grosso “BOOM”.

La passione e l’eros in questo libro sono alle stelle, scambiandosi di posto con temi abbastanza impegnativi, la lettura aleggia su un piano abbastanza neutro e il divertimento, l’amore, il rancore si controbilanciano nei vari capitoli.

E dalla merce avariata e rovinata si passa a dichiarazioni tipo “Non avrei mai voluto assumerti perché ti desidero da quando, otto anni fa, ti sei intrufolata nel mio letto” o “Penso a te e vorrei farti tutte le cose che mi hai proibito, e divento uno stronzo egoista.”

Il cuore del libro? Il senso di famiglia, le chiacchiere tra fratelli, i consigli e le pacche sulle spalle che incoraggiano.

Un altro tassello che completa la serie di questa famiglia spettacolare.

Ottima lettura.

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *