Recensione “Goodbye Jude” di Raffaella Macchi

 

 

 

Eleonora è un giovane avvocato di Milano che recita con scarsa convinzione la parte della donna in carriera in uno studio legale prestigioso, nevrotico e competitivo. La sua vita sentimentale è una costellazione di disastrosi appuntamenti al buio, così sempre più spesso preferisce rifugiarsi nella finzione dei film del suo attore preferito, l’unico uomo in grado di farle battere il cuore: Jude Law. Desiderosa di un cambiamento, decide d’impulso di rivivere la trama del suo film preferito, “L’amore non va in vacanza”, e rispondendo a un annuncio online, scambia il suo appartamento nel centro di Milano con un cottage nel Surrey. Per la prima volta, Eleonora si ritrova immersa in una dimensione a lei del tutto sconosciuta, scoprendo un’inaspettata pace. Vivere nella casa di un perfetto estraneo si rivela un’esperienza intima e intrigante allo stesso tempo. Con il passare dei giorni Eleonora è inoltre sempre più incuriosita dalla figura di Charles, il proprietario del cottage, del quale, nonostante quotidiani scambi di e-mail, continua a sapere ben poco…

Da sempre innamorata di Jude Law, di quegli occhi irresistibili, il suo carisma, i suoi film ormai si susseguono a memoria nella mia mente, L’amore non va in vacanza è uno di questi, visto, rivisto chissà quante volte che la voglia di poter scambiare casa per le vacanze mi è passata più volte nella testa.

La protagonista di questo breve romanzo ha fatto tutto ciò che ho sempre desiderato io: uno scambio di casa, un rivivere il suo film preferito, trovare la pace, la sua vera se stessa.

Altri penserebbero sia scappare, io solo ritrovarsi.

“Che cosa ti fa paura? – Che il tempo passi troppo in fretta e di arrivare alla fine senza essermene reso conto. Tu di cosa hai paura? – Di rimanere sola.”

Non sentirsi prigioniera della propria vita. Viverla fino in fondo anche se sbagliata, ma viverla, per sentirti vivo, per sentirti parte di qualcosa che hai creato, scelto, sospirato, ideato, costruito tu.

Scelte e decisioni che portano nella direzione sbagliata, la paura che blocca l’amore, il dover soffrire ancora, il dover scegliere da che parte andare, porteranno i protagonisti di questa storia ad allontanarsi; il cuore riporterà il battito dell’altro cuore vicino al suo eco?

“Dubita che le stelle siano fuoco. Dubita che il sole si muova. Dubita che la verità sia menzogna, ma non dubitare del mio amore.”

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *