Recensione “Effetti collaterali. Sei racconti di genere in Sicilia” di Rosario Russo

 

 

 

Una Sicilia vista attraverso le trame del giallo. Sei storie policrome, dal poliziesco al noir, che si snodano in un’isola densa di misteri, leggende e superstizioni per offrire al lettore un mosaico variegato e ricco di contraddizioni.

Non avevo letto niente dell’autore, ma non mi sono persa questa uscita sui racconti in Sicilia (la mia bella Sicilia). Sei racconti con un nesso in comune.

Racconti ambientati in Sicilia, tra sole e mare, intrecci polizieschi e indagini su morti, usura e mafia.

Uno sguardo abbastanza acuto e autentico della mia terra.

Una dialettica incalzante, trascinante e dinamica, un susseguirsi di vicende narrate dal punto di vista “sbirro”, sei racconti dove indagheremo a fianco del commissario Traversa o Stuto su racconti paradossali siciliani, “scene teatranti”, sparizioni senza un perchè, ritrovamenti di resti e la “leggenda” dietro l’angolo raccontata dal paesano di turno.

Sei racconti che danno una visione abbastanza realistica delle peculiarità siciliane, le mille sfaccettature che offre al turista, a chi indaga e a chi la vive.

Un giallo-romanzesco da leggere tutto d’un fiato.

ELEONORA

 406 total views,  1 views today

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *