Recensione “Donne nel vento” di Anna Coates

 

 

 

Hannah Weybridge, giornalista e madre single, deve scrivere per conto di un quotidiano nazionale un articolo investigativo sul quartiere a luci rosse di King’s Cross.

Lì incontrerà Princess, una prostituta, e l’ispettore di polizia della buoncostume Tom Jordan.

Quando più tardi Princess si presenterà alla sua porta massacrata di botte tanto da essere appena riconoscibile, Hannah dovrà prendere alcune decisioni importanti, trovandosi sempre più coinvolta in un modo di inganni e violenza. Tre prostitute sono state uccise, gli omicidi insabbiati dal silenzio stampa e la sua stessa vita è ora in pericolo.

Hannah si renderà conto che il gusto per la trasgressione colpisce anche i più alti ranghi dell’élite del paese e che dovrà fare del suo meglio per scoprire la verità… e restare viva.

Un buon thriller ambientato in una Londra oscura e crudele. King’s Cross di notte si tinge di nero: ubriachi, tossici, spacciatori, papponi e prostitute albergano tra sue maglie.

In questo crogiolo di disarmonia le vite di tre persone Hannah, Tom e Princess si incrociano dando vita a questo racconto. Hannah è una madre single costretta a lasciare il suo lavoro e a mantenersi facendo la giornalista freelance. Proprio scrivendo un pezzo su King’s Cross incontra la giovane prostituta Princess e l’ispettore Tom che sta indagando su una serie di omicidi ai danno di prostitute. Tom è un uomo affascinante ma anche misterioso, mentre Princess è una ragazzina incappata in un mondo crudele e in un patrigno violento ma quando verrà picchiata e quasi uccisa non ha altri al mondo a cui chiedere aiuto se non alla gentile giornalista. Fra i tre nasce un rapporto intenso e ingarbugliato fatto di cose non dette, di sospetti, di paura.

I colpevoli sembrano essere uomini potenti, inarrivabili, pericolosi ma quanto le due donne possono fidarsi di loro stesse e quanto dell’ispettore? Chi è coinvolto per davvero? Perché?

Una bella trama fitta e ricca di suspense, dei personaggi interessanti e ben delineati, soprattutto non chiari in modo da risultare misteriosi e credibili al contempo e una bella scrittura a chiudere il cerchio.

Consigliatissimo!!!

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *