Recensione “Crazy for you” di Deborah Fasola

 

 

 

Sono Emma, vivo a Torino e amo Brad, il mio meraviglioso fidanzato, con il quale sto per sposarmi. O meglio, con il quale avrei dovuto farlo, se solo lui non mi avesse mollata senza una ragione, proprio nel pomeriggio di prova del mio maledetto vestito da sposa, che mi fa per giunta sembrare una meringa.

Perché mi ha lasciato?

Dalla depressione iniziale passo all’operatività, soprattutto dopo che per puro caso scopro il motivo per il quale l’ha fatto.

Lei.

Una lei bellissima, una ragazza che non mi somiglia per niente.

Ma cosa ha lei più di me?

Dal momento in cui tutto si fa più chiaro, sposo l’unica missione della mia nuova triste vita: capire cosa questa donna abbia fatto al mio fidanzato per potermelo riprendere.

Tutto sembra andare bene in questa mia missione suicida, fino a quando non incontro per puro caso Marco, che si rivela essere l’ultima persona che avrei voluto conoscere.

Tra colpi di scena, pedinamenti, raptus di follia e delle vere e proprie pazzie, riuscirò a riprendermi il mio uomo, dimostrando di essere migliore della donna che me l’ha portato via?

Sono sicura che ce la posso fare, se solo non fosse per Marco…

Possono 170 pagine incuriosirti, e far palpitare il cuore?

Deborah ci è riuscita, storia originale, mi sono divertita anche nella sfortuna della protagonista e nel suo incontro con Marco. Lui personaggio enigmatico fino alla fine, diciamo che non è intuibile il finale e gli eventi nel loro svolgimento.

“Se esco viva da qui e senza manette, mi riprometto che non vedrò mai più questo tipo sinistro, fratello del nemico o meno che sia.”

“Ahhhh! Maledetta Emma, maledetto il giorno che ti ho conosciuto e che mia sorella si è fatta il tuo uomo! L’auto è mia! Perchè mi hai distrutto l’auto?”

Storia fuori dal comune, e solo con questo ha fatto un bel centro la Fasola e anche se il romanzo è breve e non ha quell’interminabile numero di pagine la storia ha un bello sviluppo, due protagonisti ben piazzati e le emozioni che ne scaturiscono sono semplici e genuini.

E se per quella “pazza, impulsiva, sconsiderata, pasticciona e incredilmente simpatica e sensuale” nascessero dei sentimenti che vanno aldilà delle bugie?

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *