Recensione “Brent” di S.R. Grey

 

 

 

Brent Oliver, superstar dell’hockey, ha proprio tutto: bellezza, carisma, dozzine di contratti pubblicitari e una carriera spettacolare.
Un attimo. Cancellate l’ultima voce.
Brent ha il talento e le abilità necessarie per ottenere un posto nel firmamento dell’hockey. Ma qualcosa non va. Ha perso il suo tocco magico e non riesce più a ritrovarlo.
Ed ecco a voi Aubrey Shelburne, life coach delle star.
Aubrey ha lavorato con diverse celebrità problematiche, ma non ha mai incontrato nessuno come Brent Oliver.
Oppure sì?
A quanto pare, una notte di bagordi e festeggiamenti, che si conclude con il risveglio di Aubrey nel letto di uno sconosciuto sta per presentarle un conto salato, fregandola alla grande. Sempre che non lo faccia prima Brent.
Nel tentativo di tenere a bada un’attrazione senza precedenti, Aubrey e Brent devono imparare a lavorare insieme. Ma non è un’impresa facile quando tra loro la tensione è sempre altissima e sono continuamente ai ferri corti.
Questa relazione è un disastro preannunciato?
O è scritta nel destino?

Come far rigare dritto un famosissimo giocatore di hockey in calo prestazionale e ultimamente troppo incline a festini a base di alcool e donne? Come fargli recuperare una dignitosa immagine pubblica e una giusta motivazione in vista dell’inizio del nuovo campionato? Ovviamente ingaggiando una life coach in grado di tenergli testa e di rimetterlo in sesto nel più breve tempo possibile! Peccato che tra i due sia scontro a prima vista (o quasi!), e che la riabilitazione non segua proprio i classici standard professionali! Liti esilaranti e provocazioni divertenti saranno infatti all’ordine del giorno per i protagonisti di questa frizzantissima storia, ma solo per tenere a bada un’attrazione reciproca che metterà a dura prova ogni resistenza! Per Aubrey e Brent litigare e stuzzicarsi servirà più che altro a dare sfogo alle loro emozioni proibite e trarre in qualche modo un piacere purtroppo negato ad altre vie! A questo proposito voglio fare davvero un plauso all’autrice perché attraverso i dialoghi incalzanti e le scene descritte ha saputo creare un escalation emozionale talmente forte da farmi percepire la stessa elettricità emanata e vissuta dai protagonisti!

Aubrey e Brent sono uno spasso insieme ma anche profondamente introspettivi e bisognosi di approvazione per sentirsi completi; sono ben descritti sotto tutti i punti di vista, così come lo sono anche i personaggi secondari. Non ho trovato “buchi” nella storia e nessuna domanda è rimasta senza risposta.

E’ un romanzo vivace, fluido e scritto molto bene, talmente bene che si arriva alla fine senza accorgersene. Essendo uno sport romance, troverete inevitabilmente alcune parti del racconto relative all’hockey piuttosto particolareggiate, ma vorrei tranquillizzare chi, come me, è profano di questo sport, che tali parti non appesantiscono in alcun modo la freschezza del romanzo.

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *