Intervista veloce a… Roberta Chillè

INTERVISTA VELOCE A…

ROBERTA CHILLÈ
  • Chi sei?

Ciao, sono Roberta, una ragazza siciliana innamorata dell’autunno, con una passione smisurata per la lettura, tazze di tè e candele profumate.

  • Come ti sei avvicinata al mondo della scrittura?

Mi sono avvicinata alla scrittura durante un periodo non particolarmente felice. Così, una sera, prendendo carta e penna ho iniziato a scrivere, a riempire fogli su fogli senza riuscire a staccarmene. Mentre scrivevo, mi ero resa conto di sentire meno il peso della realtà; ero serena e questo mi ha dato la forza per non abbattermi. Da quel momento, insieme alla lettura, la scrittura è diventata uno dei mie porti sicuri.

  • Finora hai scritto tre libri in self, puoi raccontarci come sono nati?

Sono nati perché scrivere mi permette di dire ciò che a parole non riuscirei a esprimere, ma soprattutto per dare vita a storie che, almeno una volta ho sognato di poter vivere. Sono nati per dare a me e ai lettori racconti che abbiano il potere di trasmettere dei messaggi ottimisti, di andare avanti e sperare sempre per il meglio, per quella vetta che alla fine porta alla vera felicità. Sono convinta che prima o poi le cose belle arriveranno, non può esserci sempre il buio in quel tunnel infinito.

  • Sappiamo che stai collaborando con la Believe Edizioni, puoi dirci qualcosa del tuo libro in uscita?

Sì, è uscito da poco L’arco degli amori perduti e non vedo l’ora che tutti possano leggere la storia di Lydia, una ragazza che adora preparare dolci, e che non ha mai lasciato andare via dal suo cuore il suo unico grande amore, Ethan. Okay, detto così può risultare banale o scontato, ma è proprio quando si è tranquilli che il nostro cuore riprende a battere come la prima volta. Parla di seconde possibilità, di chiarimenti, perché credo che ognuno vorrebbe avere un confronto con l’altra metà del proprio cuore, soprattutto quando ci si lascia senza un perché, anche a distanza di anni. È una storia i cui ingredienti principali sono l’amore, i dolci e un pizzico di ironia, che non guasta mai. L’arco degli amori perduti sta “rinascendo” grazie alla Believe, perché non ho mai smesso di credere nei miei sogni, e nel mio piccolo questa è una grande soddisfazione personale.

  • Quali sono i generi letterari che preferisci leggere e quali quelli che vorresti scrivere?

Sono cresciuta leggendo libri fantasy; con gli anni ho ampliato le mie conoscenze ai romance e YA. Sono i generi che più preferisco. I romance, in particolare, perché le storie d’amore sono così belle e profonde che non riesco a farne a meno, anche se la maggior parte hanno un finale triste, ma a volte questi finali possono lasciarci qualcosa di bello; insegnano a proseguire il nostro percorso, la nostra vita, seppur il destino sia stato crudele. Sono portatori sani di speranza, ecco perché mi piace scrivere questo genere, ma non nascondo che mi piacerebbe scrivere un fantasy per i più piccini, con delle fate come protagoniste.

  • Quali altri progetti hai per il futuro?

Per quanto riguarda i progetti futuri, sto dando una nuova luce al mio primo romanzo. Aveva bisogno di alcune modifiche per ritornare a fare emozionare più della prima volta. E ho in mente un nuovo racconto che porta con sé i colori dell’autunno, tramonti unici, lucine colorate e tanto zucchero filato.


Trovate Roberta su
Libri di Roberta:
– Ad ogni battito del tuo cuore
– Il diario segreto di una booklover
– L’arco degli amori perduti
piume colorate
INTERVISTA A CURA DI firma Claudia

 138 total views,  1 views today

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA