Tripla Recensione per “A UN PASSO DALL’AMORE” di Mathilde Bonetti

 

 

 

 

 

 

Quando Becca è partita dall’Italia per frequentare il liceo negli Stati Uniti, mai si sarebbe immaginata di imparare le danze standard. Proprio lei, esperta ginnasta, che si esibisce con nastro, palla e cerchio, ora deve buttarsi a capofitto nel ballo di coppia per la festa della scuola, se non vuole rischiare di fare una figuraccia davanti a tutti. Non è un’impresa facile: ci vogliono tempo, ritmo, coordinazione e il partner giusto. Ma il migliore, che è anche il ragazzo più bello della scuola, è già nel mirino della cugina e contenderglielo significherebbe mettersi nei guai. Becca ancora non sa che il ballerino che le farà volare il cuore a passo di danza è più vicino a lei di quanto creda.

Romanzo rosa per adolescenti così lo definirei sperando di non sbagliare. L’ambientazione in una high school americana, i problemi dei ragazzi sia in famiglia sia con i coetanei, la scuola e i mille dubbi sull’amore sono gli ingredienti della storia di Mathilde Bonetti.

L’autrice ha il grosso pregio di scrivere benissimo, con sapienza e conoscenza adattando forse la sua scrittura al pubblico cui è diretto il libro, rendendola fresca e veloce, moderna e accattivante, farcendo la storia di diatribe giovanili, scherzi a volte stupidi (si sa, i ragazzi purtroppo sono spesso oggetto di scherno da parte dei compagni) e ancora di amori, amicizie leali, cattiverie gratuite e soprattutto tanta spensieratezza.

Becca è una giovane ragazza costretta a trasferirsi dall’Italia negli Stati Uniti a causa del lavoro del padre, a lasciare la sua casa, il suo Paese, gli amici e le abitudini e non sarà facile per lei ambientarsi in una realtà totalmente diversa dove l’immagine è tutto. Non è abituata e non ha nemmeno voglia di lottare per primeggiare, per entrare nelle fantomatiche cheerleader o per vincere la gara di ballo che si terrà a Natale, se non fosse che appena arrivata a scuola è subito contesa dal più bello della scuola Ric Davies, noto sciupa femmine, e il più serio e riservato Logan. Si innesca così un gioco a tre, una gara di seduzione fra la voglia di vincere, di primeggiare dell’uno e i nobili e veri sentimenti dell’altro.

Seppure non fossi proprio nel target dei lettori vista l’età ho trovato la storia molto carina, ricca di spunti riflessivi per i ragazzi, molte tematiche della loro età ben sviluppate, una dolcezza timida e genuina dei primi sentimenti d’amore e una solida conferma di quelli dell’amicizia. Una piacevole lettura per tutte le età e per chi ha ancora voglia di sognare e ricordare i primi amori e i grandi drammi dell’età più ricca e più bella della nostra vita.

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

Questo romanzo mi è piaciuto molto perché è il mio genere ideale, si parla di scuola, di ragazzi, anche se più grandi di me ma di poco, amicizia e amore.

Mi è piaciuto il triangolo amoroso che si è formato fra Becca e i due ragazzi Logan e Ric, che sono tutti e due molto popolari a scuola ma hanno due caratteri ben distinti e quindi Becca ha la possibilità di capire cosa vuole dalla vita. All’inizio è molto insicura e timida ma poi riesce a sconfiggere una parte delle sue timidezze, forse grazie anche all’aiuto di Logan e Ric. Ric è più superficiale e vuole divertirsi senza prendere impegni ma corteggiandola le trasmette più sicurezza, mentre Logan è più profondo e si comporta da amico e la aiuta a superare le sue insicurezze.

Gli episodi che succedono a scuola come gli scherzi o le chiacchiere che fanno i ragazzi, o le feste sono molto divertenti e nella storia stanno molte bene.

Il romanzo è scritto bene, non annoia mai, fa un po’ incuriosire e ad ogni capitolo volevo andare avanti per sapere cosa sarebbe successo dopo.

Lo consiglio alle ragazze della mia età.

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

Ho quasi quindici anni e leggendo questo romanzo ho riconosciuto alcuni modi di fare e situazioni tipiche dei ragazzi della mia età e che, in parte, ho vissuto in prima persona.

Una cosa che mi è piaciuta molto è che Becca vuole essere se stessa e non mira ad essere la più popolare della scuola né a frequentare le persone “giuste” ma quelle che la fanno stare bene. Inoltre ho apprezzato il fatto che lei non si arrenda davanti alle difficoltà e, anche se non può più gareggiare nella ginnastica ritmica, non si abbatte e trova una nuova passione nel ballo.

Per quanto riguarda i due ragazzi ho amato particolarmente Logan perché le sue  intenzioni sono buone, ci tiene a Becca e vuole conoscerla meglio; invece Ric non dà il vero valore alle cose e le fa solo per essere popolare. A questo proposito non ho apprezzato il fatto che Becca resti indifferente quando scopre chi è davvero Ric e che intenzioni ha.

Una cosa che invece mi ha un po’ delusa è che in una storia d’amore il primo bacio è la cosa fondamentale e l’autrice non l’ha descritto bene e non gli ha dato la giusta importanza. Non ho visto la passione che invece ci dovrebbe essere.

La storia è molto carina e semplice, con pochi intrecci e colpi di scena, scritta bene anche se non troppo elaborata e troppo corta per i miei gusti.

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA