Review Party “Respiri” di Lucy Dale

 

 

 

 

 

“Un solo, singolo respiro ed è subito vita. Da quel primo meraviglioso momento tanti altri se ne susseguono a scandire il nostro tempo, a colorare le nostre emozioni. Non ce ne rendiamo conto, eppure sappiamo con precisione quando abbiamo bisogno d’aria, se ci sentiamo soffocare dal mondo intorno a noi e chiamo solo un attimo, un respiro, per un po’ di tregua.

Quando il cuore viene colto da un sussulto, allora quell’unico respiro non basta per far fronte alla tempesta alle sue porte, e ce ne vogliono molti altri, un’infinità di respiri dai colori più svariati a illuminare con sfavillante magia il senso di tutto ciò che siamo”.

Di questo si compongono le pagine dei miei versi: di respiri, emozioni, aliti di vento che sussurrano segreti, brezze che sanno cullare e dare conforto, raffiche che spazzano via ogni cosa, soffi silenziosi che nonostante tutto, ci riportano in superficie.

 

Ammetto di non essere appassionata di poesia, ma quando il blog mi ha proposto la recensione ai versi di Lucy Dale ho voluto cogliere la sfida.

Ho letto le varie poesie con molta calma e a voce alta perché così si assaporano meglio, si gustano, se ne capisce la profondità. Tuttavia una volta seduta al pc per scrivere la recensione mi sono bloccata, ho faticato a trovare le parole adatte per esprimere un mio giudizio, proprio perché non mi sentivo all’altezza. Così ho coinvolto mio marito che scrive e pubblica poesie da una vita e, come sempre, mi ha accontentata.

Ne abbiamo discusso insieme e la cosa mi ha fatto piacere, lui poi è molto critico e ha iniziato a parlarmi di metrica, di ritmo, di immagini e ci siamo persi nei versi della raccolta e finalmente abbiamo trovato la via grazie a un verso.

“…sanno andare oltre ogni superficie/scavando strati su strati…” un intimismo soffuso, a tratti solo sfiorato. Un intimismo poi sfogliato verso dopo verso e passo dopo passo, in una sorta di incedere di precisazioni, approfondimenti, completamenti.

Al primo approccio il lettore resta disarmato dalla quasi assenza di luoghi, spazi, oggetti. Poi sfogliando il volume avanza, sospetta, capisce, si addentra nel territorio dell’autrice ed inizia a riconoscere i paesaggi che sono tutti nell’intimità, nella scoperta di identità, di sentimento, di nuove dimensioni.

Un bel viaggio.

Consigliato.

 

 

 

 

 

Sharing is caring!

Our Score

One thought on “Review Party “Respiri” di Lucy Dale”

  1. Grazie infinite per questa recensione che ha saputo cogliere così in profondità quello che sono e che voglio trasmettere nei miei versi <3 sapere poi che c'è stata condivisione e dialogo con un'altra persona per poterla scrivere, mi rende molto orgogliosa e felice

Rispondi a Lucy Dale Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA