Recensione “ Una sola cosa bella” di Kacey Shea

 

 

 

Cora ed Isaac vivono due vite che non potrebbero essere più diverse. Lei è un’attrice di successo e lui un ragazzo padre che si divide tra un lavoro e l’altro per pagare l’affitto e mantenere il figlio David. Un paio di volte la settimana, però, durante i turni notturni di Isaac alla caffetteria, i due trascorrono ore e ore a parlare.

Lui ha perso la speranza di diventare un artista e di trovare l’amore, lei ripete di non aver il tempo né la voglia da dedicare a ulteriori relazioni fallimentari.

Una notte, una perdita d’acqua nel retro della caffetteria cambierà ogni cosa…

 

Diciamo che con un inizio un po’ titubante la lettura si riprende e inizia poi a essere una lettura piacevole.

L’incontro amoroso, il primo, tra i due protagonisti mi ha lasciata perplessa, troppo veloce, troppo presto, troppo irreale a dirla tutta.

Man mano che la lettura continua la storia inizia a catturare l’attenzione, i due protagonisti sembrano la versione della principessa e il povero in chiave moderna, lei attrice di successo, lui ragazzo che riesce a malapena a far quadrare i conti, con un fardello non indifferente sulle spalle.

Da attenzionare la parte sulla disabilità, l’autismo e l’affetto della famiglia, però, a mio avviso, lasciato molto a se stante.

Non ho saputo amare del tutto i protagonisti e non ho potuto concentrarmi su un argomento specifico, troppi, come quantità, solamente abbozzati nella descrizione, alcuni elementi sembravano essere messi lì solo per riempire pagine.

 

 

3 stelle
3 stelle

firma Claudia

 176 total views,  1 views today

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA