Recensione tripla “Only you” di Samantha Chase e Noelle Adams

 

 

 

 

 

Desidero davvero l’unica donna che non potrò mai avere: Harper, la sorella del mio migliore amico. Sono innamorato di lei da quando avevo diciotto anni, ma è sempre stata off-limits. Così ho taciuto i miei sentimenti e mi sono arruolato. Adesso, dopo anni nei Marines, sono tornato a casa. E nonostante tutto sia diverso, quello che provo per lei non è affatto cambiato. Ma ora più che mai non posso avere quello che desidero: suo fratello è morto e Harper vuole disperatamente sapere cosa sia successo. Ma ci sono cose che è meglio non sapere. Qualcuno sta cercando di farle del male e io devo proteggerla a ogni costo, anche se lei non si fida di me. Anche se mi odia. Un uomo deve tutelare quello che gli sta a cuore. Harper potrà non essere mai mia, ma è la cosa più preziosa che ho. E voglio che sia al sicuro.

Romanzo molto carino ma senza troppe pretese, adatto ad una lettura veloce e leggera: l’ho divorato in un pomeriggio.

Sono stata attirata dalla trama e dall’amore impossibile fra un ragazzo, Levi, e Harper la sorella del suo migliore amico; un classico sotto molti punti di vista ma speravo che l’autrice sarebbe stata in grado di trovare quell’originalità che invece mi è mancata.

I due amici vanno in guerra, il fratello di lei muore e Levi si sente responsabile; quando torna a casa è combattuto fra il cercare Harper o lasciarla stare , tuttavia lei ha subito delle minacce e il cuore di un marine non può scappare di fronte ad una donzella in pericolo.

Un amore annunciato, un accenno di thriller, un’indagine spicciola.

Insomma poteva essere ma non è.

La scrittura è fluida, precisa, dinamica con tanti eventi, ma poca sostanza.

Lei è una ragazza off-limits, sorella del suo amico defunto, lui è il ragazzo che la deluse ai tempi del liceo.

Harper è una tosta giornalista, da sempre alla ricerca della verità, e non chiede aiuto a nessuno.

E’ una ragazza abbastanza sicura di sè e nonostante il suo aspetto principesco non cede al fascino e alla prepotenza maschile.

Levi, reduce da una missione nei marines, perde il suo migliore amico sul campo; ritorna nella sua cittadina e non sa veramente che fare del suo futuro, l’unica sua certezza è l’attrazione provata da sempre per Harper e il senso di protezione nei suoi confronti.

La storia non è originale, è stata scritta, letta e assorbita chissà quante volte, non ci sono escalation di emozioni, però nel complesso è una lettura da consigliare in un pomeriggio sereno con il sole splendente, seduti magari in veranda, assicuro che il cuore qualche battito lo perderà.

Leggere di amore fa sempre un certo effetto, i protagonisti poi sono ben definiti e anche se la storia poteva portare qualcosa di nuovo, i sentimenti dei protagonisti tengono viva l’attenzione del lettore.

I loro sguardi furtivi, quel carattere tosto di Harper che vuole prendere il sopravvento e lui che diventa prepotente e dispotico per la sicurezza della sua principessa.

I dialoghi sono perfetti così come perfetta è l’ambientazione, le uniche pecche sono la mancanza di apporto di novità, di suspense, di qualcosa che avrebbe potuto mettere adrenalina alla storia, e la mancanza di un epilogo ben definito per la coppia.

Per il resto lo consiglio, si parla di amore, di un’attrazione lasciata in stand-by per anni che sfocia in qualcosa di più, dove questa volta il carattere forte di entrambi rischia di mandare in frantumi quel qualcosa, poi il timore di tradire il ricordo di un caro amico, e uno psicopatico omicida in giro ad arricchire la storia.

Un giorno, all’improvviso, Levi si rende conto di essersi preso una cotta per Harper, la sorella del suo migliore amico. Ma si trova obbligato a fingere di non provare niente.

Dopo diversi anni è costretto a tornare a casa, congedato dai Marines, per il funerale del suo migliore amico. Qui Levi rivede Harper e scopre che i sentimenti che aveva seppellito, sono tornati prepotentemente in superficie.

Levi e Harper sono due teste dure che non fanno altro che scontrarsi, pur provando attrazione l’uno per l’altra. Lei è una forza della natura in miniatura, una che lotta contro le ingiustizie e che cerca di scovare la verità, tra cui quella sulla morte del fratello. Lui è un x marine tornato a casa e incapace di darsi pace per la morte dell’amico e che non riesce a fare altro che intromettersi nella vita di Harper, dopo che si viene a sapere che qualcuno la sta minacciando. Levi qui rasenta lo stalking, seppur a fin di bene.

La storia tra i due è un alternarsi di battibecchi esilaranti e scene da mozzare il fiato. Mi è piaciuto vederli scontrarsi e incontrarsi. Ho anche apprezzato che entrambi siano cresciuti nel corso della narrazione, siano diventati più maturi.

Ognuno con il proprio fardello interiore, saranno capaci di diventare persone in grado di vivere pur sapendo che una parte di loro mancherà sempre all’appello. Pur cercando di rimanere forti, cadranno e si rialzeranno, in un modo o nell’altro.

Ho apprezzato anche il finale, non del proprio scontato. Chi sta minacciando davvero Harper? Riuscirà Levi a salvarla o per lei sarà la fine?

Cosa accadrà tra i due? Riusciranno a stare insieme ed ammorbidirsi entrambi, per amore? O vincerà l’orgoglio. Il bello è vedere come tutto accade, senza forzature né passaggi pesanti. Sembra che il libro si evolva da solo, come se guardassimo un film che si svolge davanti ai nostri occhi, pur non sapendo di guardarlo.

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA