Recensione “Scommessa Vincente” di Antonella Pellegrino

 

 

 

Nonostante sia iniziata solo grazie a una scommessa, la relazione tra Dylan e Nick prosegue a gonfie vele. Ma è veramente così o è solo apparenza? Con il matrimonio da organizzare e il progetto di creare una famiglia, Dylan è felice, seppure ci sia sempre una nota amara a turbarlo, qualcosa che tiene per sé per non ferire il suo compagno. Almeno, fino a quando riesce a resistere. Il passato di Nick è ancora una presenza continua e ciò metterà a dura prova la loro relazione. Non solo, il dolore di aver avuto un padre violento è ancora lì, sepolto dentro di lui, non del tutto dimenticato, e diventare genitori non è poi così facile come avevano creduto.

Nonostante ciò, il desiderio di vivere il resto della sua vita con l’uomo che ama e di avere un figlio insieme è comunque più forte di qualsiasi paura e incertezza e soprattutto di qualsiasi ostacolo si presenterà sul loro cammino. Il loro amore è indistruttibile e, se affronteranno insieme ogni difficoltà, non avranno nulla da temere.

Questo romanzo narra una bella storia d’amore che nasce fra due ragazzi che nella vita hanno sofferto molto.

Dylan e Nick stanno per sposarsi, si amano, si rispettano e stanno per costruirsi una famiglia. Infatti, a pochi mesi dal matrimonio stanno già facendo le prime pratiche per un’adozione. Ma i fantasmi del passato vanno affrontati prima di compiere certi passi importanti.

Dylan è orfano di madre e ha un padre violento che non vede da anni, mentre Nick ha perso il precedente compagno, che era anche il suo migliore amico. Entrambi devono affrontare il passato e andare avanti, ma non sarà facile.

In queste pagine oltre all’amore e alla dolcezza dei due ragazzi affrontiamo diversi temi importanti: le violenze domestiche, la morte di una persona cara, le difficoltà dell’adozione ma anche le problematiche di chi è costretto dalla vita a dare il proprio figlio in adozione per assicurargli una vita migliore.

L’autrice è stata molto brava a toccare le varie tematiche con delicatezza, ma anche approfondendo i vari argomenti, la psicologia dei personaggi e i loro sentimenti.

Un buon lavoro che consiglio!!!

ELEONORA

 

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *