Recensione “Quel bacio al chiaro di luna” di Simona Mendo

 

 

 

 

 

 

Alex e Alessia sono amici da sempre, vivono quasi in simbiosi e segretamente si amano all’insaputa l’uno dell’altra. Il legame che li unisce è intenso, affonda le radici nel giorno della nascita della piccola Beth – così lui la chiama, un nomignolo affettuoso che ricorda le sorelle March di Piccole Donne. Frequentano l’università, Alex sta per laurearsi mentre Alessia è agli inizi degli studi. Tutto sembra andare a gonfie vele, l’amicizia tra loro si fa via via più consapevole e tenera, finché non arriva Gabriele, lui che conquista un’ingenua Alessia con sdolcinate frasi d’amore pescate chissà dove, lui che la convince a prendersi più tempo libero allontanandola dallo studio. È l’inizio della fine, si domanda Alex? Sente l’amore della sua vita sfuggirgli dalle mani, ma non può fare niente per riprenderselo, in fondo non si è mai dichiarato. Resta a guardare un tizio qualsiasi che si appropria della sua felicità. Perché la sua Beth si è lasciata irretire da questo Gabriele permettendogli di stravolgerle l’esistenza, così come di infangarne la purezza? E perché all’improvviso Alessia si chiude in se stessa, evita gli amici e si accanisce con rabbia sui suoi bellissimi capelli scuri?

Devo confessare di essere probabilmente un’inguaribile romantica, ma in “negazione”,cerco di non ammetterlo, eppure ci sono quelle piccole cose che dimostrano che dietro la mia scorza di donna matura e realista, ho ancora una parte di me che viaggia al di sopra delle nuvole e sogna amore, dolcezza e magia.

Nel corso degli anni ho preferito alle mie letture storie d’amore in cui si lotta, si soffre e si combatte contro il destino crudele. Forse, a causa delle mie esperienze personali, la mia felicità sia in amore come in amicizia, me la sono sempre dovuta lottare.Questa volta la scelta di questo romanzo è stata assolutamente istintiva.

La cover mi ricorda molto le confezioni dei baci Perugina e sarà un po di nostalgia (dove vivo io i baci Perugina non esistono) che mi ha rievocato la magia di quella scatola blu, delle stelline, della coppia che si bacia e quei messaggini con le citazioni d’amore tra le più belle e famose della storia.

Insomma, chi non compra un romanzo d’istinto, non ha mai letto per pulzione piuttosto che solo per passione.

Ed ecco che scopro una nuova autrice.

Il bello di leggere romanzi per un blog è proprio quello di scoprire nuovi talenti ed ho avuto il piacere di scoprire questa scrittrice che racconta una storia così dolce e romantica da farci sognare ad occhi aperti.

Chi scrive bene riesce ad emozionare, a farti sorridre, a farti arrabbiare e perfino a farti piangere.

Simona Mendo in questo è stata bravissima.

Chi di noi non è stato segretamente innamorato del suo migliore mico? Quel tipo di amore inconfessabile che non può superare le barriere dell amicizia perchè si dice che per amore non si può rischiare di perdere un amico.

Così fa il protagonista di questa storia, Alex vive segretamente il suo amore per la sua amica del cuore Alessia.

Un amore fatto di piccole e grandi complicitaà, tenerezze  e sincerità fino al momento in cui non arriva Gabriele, il ragazzo che conquisterà il cuore della giovane Alessia, utilizzando frasi fatte e clichè da abbordaggio infantili e scontate.

Alex sarà costretto a vedere l’amore della sua vita perdersi tra le attenzioni di un ragazzo  superficiale che saprà dargli tutto fuorchè amore.

Non voglio entrare in ulteriori dettagli, ma ciò che Alex, il protagonista, dovrà affrontare per scoprire la verità dietro al cambiamento di Alessia sarà intenso. Ci saranno conflitti e la consapevolezza che un amore non dichiarato resta un amore negato.

Una scrittura melodica, dolce e romantica, fatta di piccoli fiori che sbocciano  ad ogni pagina e che alla fine rilasciano quel profumo inconfondibile di dolcezza e di amore.

Una storia per chi è romantico, per chi pensa di non esserlo, per chi ha voglia di sognare, di vivere un emozione semplice e pulita.

Una di quelle storie che appena sei arrivato alla parola fine, hai ancora voglia di ricominciare.

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA