Recensione “Non mandarmi via” di Daniela Mastromatteo

 

 

 

Romanzo autoconclusivo (non è necessaria la lettura dei volumi precedenti).Secondo volume della “Hope Series”.“Vi consiglio i romanzi di Daniela Mastromatteo, se cercate delle storie dal sapore vero e quotidiano, narrati attraverso uno stile dinamico, coinvolgente e diretto che parla dritto al cuore e alle coscienze dei lettori.”(Cronache di Lettrici Accanite)“Daniela Mastromatteo, a mio avviso, dopo che ho letto quasi tutti i suoi libri, si conferma una scrittrice promettente, perché ci mette tanto impegno nel tessere, come una brava Penelope al fuso, delle trame originali e con una buona dose di suspense, nello scegliere un vocabolario adeguato alla vicenda, nel tracciare una corretta e coerente psicologia dei protagonisti.”(Il Rumore dei Libri)Maya è un’educatrice d’infanzia e nel tempo libero ama scrivere favole per bambini. La sua vita è apparentemente perfetta. Ha due splendidi amici, Charlotte e Chris, vive ancora con i suoi genitori sul lago di Costanza e ha una storia epica con Niklas dai tempi del liceo. Tutto sembra ruotare per il verso giusto, fino a quando, in una calda sera di primavera, la giovane ragazza decide di imboccare una strada poco trafficata, al rientro dal lavoro. Quella notte, un ragazzo scalzo, sporco e senza alcuna apparente identità piomberà nella sua vita come un uragano.Non si sa nulla di lui, eccetto il suo nome. Eppure Maya non riesce a restare indifferente dinanzi alla sofferenza che scorge in quei profondi occhi azzurri. Nate è scontroso, irascibile e non sopporta la troppa gentilezza della ragazza. Non crede nei rapporti umani e vuole soltanto approfittare della sua ingenuità. Inizia così una convivenza forzata, un susseguirsi di segreti nascosti, avvenimenti struggenti e scoperte che cambieranno radicalmente la vita di entrambi. Una settimana soltanto: era questo l’accordo; ma si sa, le cose non vanno mai come le pianifichiamo.«[…] Prova a fare un bel gesto, a qualsiasi persona tu pensi meriti un sorriso, e vedrai che ti sentirai meglio.»

Letture senza troppe pretese, semplice e lineare, una storia che coinvolge e sconvolge allo stesso tempo.

Il romanzo di apre con la conoscenza della protagonista ragazza solare e altruista, sempre pronta ad aiutare gli altri, incontra in una notte buia il suo Inferno, Nate, ragazzo sconosciuto, con un bagaglio emotivo assai cruento sulle spalle, un lato oscuro da far ritornare alla luce, scalzo come un povero mendicante cerca aiuto e Maya dà alito al suo carattere da crocerossina.

Un semplice aiuto, può trasformarsi in qualcosa di solido?

Una settimana e non un giorno di più, una convivenza nella sua nuova casa, Maya si ritrova a ribaltare la sua impeccabile vita, maestra d’asilo, eternamente fidanzata con Niklas ed un carattere docile, amici che si fanno in quattro per lei, simpatici e sempre pronti.

Tutto cambia, il suo modo di approcciarsi alla vita, il rapporto con il suo ragazzo, e la fiducia riposta nei confronti di quello sconosciuto.

Nate e Maya, Inferno e Paradiso a confronto.

Deboli colpi di scena entreranno in azione, lui non è quel che si vede, un passato oscuro e nascosto, una famiglia amorevole da una parte e un’altra criminale che tenta di detenere ancora il controllo delle azioni.

Un romanzo che si può leggere in poco tempo, la scrittura abbastanza semplice facilita in tal senso, qualche piccolo refuso e qualche parola ripetuta nello stesso pensiero, cala leggermente il tono di lettura, ma per il resto la storia merita, i protagonisti sono così belli e così da scoprire che, chiudere un occhio su “errori grossolani”, non è la fine del mondo.

Un’autrice scoperta per caso, una copertina che mi ha ispirato fins da subito, lettura tenuta da parte per un bel po’ di tempo, e finalmente portata a termine.

Bello? Si, ne consiglio la lettura, e chissà se in un giorno qualunque incontreremo anche noi un Nate da salvare e capace di cambiarci nell’anima.

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *