Recensione “Liam conquista Manhattan” di Thea Harrison

 

 

 

Attenzione! Questa storia contiene uno spoiler de La fine delle tenebre. Se non volete rischiare di rovinarvi la storia, vi consiglio di leggere i libri nell’ordine di pubblicazione.

Questa è una breve novella scritta per i lettori delle Razze Antiche particolarmente affezionati al personaggio di Liam Cuelebre.

Per riprendersi da un evento doloroso, il magico principe dei wyr, Liam Cuelebre, figlio di Dragos e Pia, si ritira in se stesso. Fatica a scendere a patti con la sua identità e con le sfide che dovrà affrontare.

Preoccupati, Dragos e Pia gli fanno un regalo, qualcosa che ha desiderato a lungo, per cercare di consolarlo e di farlo sentire meglio. La reazione di Liam ha un effetto che si riverbera per tutta New York. Proprio prima di Natale, cominciano a manifestarsi diversi miracoli, e la visita di una persona misteriosa dà a Liam la speranza e una visione del suo futuro.

Liam conquista Manhattan è la terza parte della trilogia su Pia, Dragos e il figlio Liam. Ogni storia può essere letta individualmente, ma consiglio ai fan di leggere i libri nell’ordine in cui sono stati pubblicati: Dragos va a Washington, Pia vola a Hollywood e Liam conquista Manhattan.

Terzo brevissimo racconto della serie dedicata alla famiglia Cuelebre.

Liam è un nuovo personaggio della lunghissima saga delle Razze antiche, è figlio del meraviglioso Dragos e di Pia e lo abbiamo già visto in altre occasioni.

E’ il giovanissimo della serie, infatti ha solo un anno di vita, ma è già un adolescente nella razza dei wyr e, come tale in queste sole 60 paginette, lo vediamo fare le stesse cose di tutti gli adolescenti: ribellione, scontro con i genitori, isolamento. Anche nell’unica cosa che lo rende libero e in pace con se stesso, ossia il volo, ritrovo originalità.

Niente di nuovo, insomma, niente che ce lo faccia conoscere e amare di più. Probabilmente ci dovremo aspettare un libro vero e proprio dedicato a lui, perché questo è solo un assaggio, sperando che l’autrice, che reputo bravissima, non cada in una serie di stereotipi come in questo racconto.

ELEONORA

 

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *