Recensione “Lezione d’amore per principianti” di Marilena Boccola

 

 

 

 

Come ho fatto a credere di poter acconsentire con tanta leggerezza a una tale insensata richiesta?

È quello che si chiederebbe chiunque, non solo Massimo, se un’amica d’infanzia, di colpo riapparsa dal passato, lo supplicasse di insegnargli tutto quello che c’è da sapere sul sesso e lui si fosse fatto convincere ad accettare.

Quale potrà mai essere il motivo dell’insolita richiesta di Amalia?

Be’, tanto per cominciare, la ragazza è inesperta e teme di non essere all’altezza di Alessio, quel figo pazzesco di cui si è innamorata a prima vista, talmente bello e sicuro di sé da metterla in soggezione ma che spera, grazie alle lezioni di Massimo, di riuscire a conquistare.
Cosa accadrebbe se invece, lezione dopo lezione, Massimo si accorgesse che non sta soltanto trasmettendo delle semplici nozioni di anatomia e dintorni, ma è subentrato ben altro? Qualcosa che l’orgoglio gli impone di non svelare?

L’ambientazione torinese da Libro Cuore, le poesie di Guido Gozzano, le citazioni di Cesare Pavese e dei Subosnica fanno da sfondo a un romanzo ironico e romantico, sensuale ed erotico che rispecchia perfettamente lo stile dell’autrice.

Primo libro che leggo di questa autrice e non sarà l’ultimo.

Sicuramente originale, molto divertente pur nella sua drammaticità, scritto benissimo e divorabile.

Una storia d’amore, nata da una amicizia in tenera età di cui la narrazione è piena di piccoli particolari, che sfocia in un grande amore passando però attraverso le lezioni d’amore per principianti di cui ci parla il titolo. Amalia è stata cresciuta da un padre severo e in un collegio di suore, non ha la minima conoscenza di tutto ciò che ruota intorno alla sfera sessuale a cominciare dai piccoli, semplici, baci fra innamorati. L’infatuazione per un compagno di università le fa prendere una decisione alquanto eccentrica: chiedere all’amico d’infanzia, da poco ritrovato, di darle delle lezioni. Gran parte del romanzo si svolge intorno a queste particolari lezioni, che infuocano l’animo a chi legge ma anche a chi le sta sperimentando, tant’è che a giocare col fuoco ci si brucia, ed è quello che accade ai nostri protagonisti.

So che l’idea di queste lezioni può far sorridere alcuni lettori, eppure l’autrice ha saputo abilmente giocare, creando però una storia profonda, intensa e a tratti, molto drammatica.

Due animi molto diversi fra loro, che si incontrano e scontrano senza riuscire ad afferrare l’amore, che c’è e che sentono fortemente, ma che la gelosia di uno e l’inesperienza e l’orgoglio dell’altra allontanano inesorabilmente. Solo il destino, concedendo una seconda opportunità, può risolvere l’ingarbugliata matassa.

Consigliatissimo!!!

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *