Recensione in anteprima “MAVERICH – The RedsBlack Series : Volume 2” di Manuela Ricci

 

 

Perché bisogna prima perdersi per potersi ritrovare.

Ci sono Demoni destinati a marcire all’Inferno, altri, a generare l’Inferno su tutto ciò che li circonda. Lo sa bene Maverich Evans, Tight End dei RedsBlack di Toronto, arrivato in città trascinandosi dietro un bagaglio troppo ingombrante.
Arrogante e con una rabbia letale che gli scorre nelle vene, è disposto a tutto pur di raggiungere la NFL, il solo sogno che abbia mai avuto, in una vita piena di ombre che lo hanno marchiato dentro. Il suo sguardo cupo, dal quale non traspare nulla, precipita in quello di Sierra Cooper, la rossa mozzafiato della St. George, che saprà sconvolgere il suo equilibrio mettendo in discussione ogni cosa. Troppo testarda per arrendersi al muro che ha innalzato Maverich, per tenerla alla larga dal suo mondo oscuro, sentirà le fiamme di quell’Inferno bruciarle sulla pelle.

Anche se mi brucerò.
Anche se mi farò male.
Anche se cadrò, sarà per lui e con lui.

Un incontro casuale ma scritto nel loro destino, che porterà alla luce segreti difficili da svelare.
Due mondi troppo diversi per incastrarsi.
Una passione destinata a consumare le loro anime.

Si può desiderare ciò che non si conosce?
Si può volere tanto una cosa senza sapere che sapore abbia?
Ci si può sentire completi con la metà sbagliata della tua anima?

Secondo volume della serie RedsBlack, Maverich è il protagonista e partner in questione e la dolce Sierra, amica del nostro amato Kane, lo accompagna durante la lettura.

Dietro ai libri della Ricci si nasconde un mucchio di cose inaspettate. Stai lì a leggere di due giovani che si incontrano per caso ad Aspen e inizi a navigare di fantasia quando inaspettatamente la trama si ribalta e molti elementi dark o contemporany del genere si catapultano nella trama, apparentemente senza un nesso, ma sapientemente ben amalgamati.

Buio e sole. Fuoco e acqua. Angelo e inferno.

Ecco a voi Maverich, un ragazzo senza né arte né parte che si diletta a lavorare nei periodi festivi ad Aspen in attesa di convocazione da parte della squadra, diventerà il Tight End dei Reds. (Bello, tatuato e oscuro. OMG aiutatemi!!!).

Il caso giocherà la sua parte negli incontri casuali tra Sierra e Maverich e il passato di lui entrerà prepotentemente nella vita di coppia.

Non sarà di certo una coppia comune (anzi di comune non si ha proprio niente). Molti sono i demoni da sconfiggere e il rapporto intimo tra i due subirà una forte impennata.

“La casa degli orrori” tornerà a riscuotere la sua parte.

Loro: “Due mondi che non si appartengono. Due metà imperfette. Due stelle binarie destinate solo a guardarsi da lontano.”

Proteggerla dalla bestia che c’è il lui. Allontanarla per amarla ancora di più. Soffrire per non dimenticare. Sognare anche quando i sogni scivolano via tra le mani. Guardarsi anche quando non c’è luce.

“Un viaggio dolce amaro. E’ Inferno e paradiso che si fondono. E’ delirio e follia che ardono i pensieri.”

Lui.

La mia prigione.

Il mio peccato.

La mia condanna.

Loro.

L’illusione di un cuore innamorato.

E adesso a voi l’onore di leggere Maverich.

 650 total views,  1 views today

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *