Recensione “Il destino del nostro amore” di L.A. Casey

 

 

 

Erin ha sempre avuto una cotta per Ward, il migliore amico di suo fratello Tommy. Sono passati undici anni da quando lui è scomparso, spezzandole il cuore. Dimenticarlo è stato difficilissimo, ma col tempo Erin ha accettato l’idea di non rivederlo mai più. Il giorno in cui Tommy viene coinvolto in un drammatico incidente stradale, Ward ricompare all’improvviso. Le loro vite, a distanza di undici anni, non potrebbero essere più diverse: Erin fa fronte alle difficoltà destreggiandosi tra due lavori, mentre Ward è un multimilionario, proprietario di un’impresa che porta addirittura il suo nome. Ora che è tornato, desidera disperatamente farsi perdonare. Ma potrebbe essere troppo tardi. Erin infatti prova emozioni contrastanti: da un lato sente di non averlo mai davvero dimenticato, dall’altro teme che lui possa ferirla ancora. Sarà capace di capire che cosa desidera davvero?

Le lacrime iniziano a scorrere fin dalle prime pagine, ma se si ha un pò più di cuore duro si riesce a resistere (io ho pianto dall’inizio, per intenderci), ma alla fine gli argini crollano, davanti a quelle foto su una lapide che straziano il cuore.

Pagina dopo pagina, assapori la storia, entri a far parte di quella famiglia con un lutto iniziale da elaborare e tante difficoltà da superare.

Erin e Ward, amici dall’infanzia, il primo amore lei, la sorella del suo migliore amico per lui, un lutto la notte di San Valentino, il dolore che pervade l’anima e la scelta di andare lontano, “Abbiamo bisogno di te. Ti prego, non lasciarci da soli. Siamo una famiglia, non possiamo farcela senza di te. Ti prego.”

Suppliche non ascoltate e la vita continua.

A distanza di anni, ritroviamo i protagonisti, spezzati, rotti, ricchi, maturi per certi versi e con tanti demoni interni ed esterni da sconfiggere.

“Perchè ti metti contro di me? – Perchè quando hai abbandonato la mia famiglia, ho giurato a me stessa che non avremmo avuto più bisogno di te.”

L’incidente del fratello di Erin farà riavvicinare la coppia, e tra il rancore del passato e quella dolcezza del primo amore, i due inizieranno a camminare uno accanto all’altro per una momentanea tregua.

Lei, colei che gli fa sentire le farfalle nello stomaco quando ride e un barlume di paradiso quando sorride, colei che è sempre stata parte del suo cuore.

Tutti nella vita di Erin hanno una data di scadenza e un ulteriore lutto sarà duro da superare.

Lacrime a fiumi, un dolore che attanaglia il cuore e lo rende un pezzo di ferro vecchio, speranza attaccata ad un vetro di ospedale, dolore per quella perdita improvvisa, dolcezza al suono di quella dolce canzone “Ninna nanna”.

Tra lutti, dolore e lacrime vengono trattati temi delicati, abusi, pedofilia, alcolismo e molto altro. Questo libro è uno di quei romanzi che oltre ad un cuore che batte, tra le pagine lasci la tua anima.

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *