Recensione “E poi sei capitata tu” di K. Bromberg

Jack Sutton era l’uomo di cui non volevo avere bisogno.

Il suo atteggiamento da so-tutto-io. I suoi irritanti suggerimenti. La sua visione della vita.

Era deciso ad aiutarmi, mentre io ero intenzionata a risolvere tutto da sola.

Ma mi ha insegnato cose che avevo dimenticato.

Come fidarmi. Come credere in me stessa. Chi ero.

Il problema?

Che ho finito per innamorarmi di lui.

***

Tatum Knox era il disastro da cui sarei dovuto fuggire.

La sua reputazione rovinata. La sua attività in fallimento. La sua vita caotica.

Mi ha odiato a prima vista, eppure mi ha intrigato allo stesso tempo.

Avrei dovuto restare sei mesi.

Avrei dovuto utilizzare quel tempo per fare ammenda per gli sbagli che avevo compiuto.

Invece mi sono innamorato di lei.

***

Dicono sia meglio aver amato e perduto che non aver amato affatto.

Ma è vero anche quando l’amore si basa su una bugia?

 

 

 

Io son di parte, lo ammetto, amo i cowboy, hanno un fascino di ribelle e indomito ragazzo, sempre con il fisicaccio da far sbavare anche la vecchietta più temeraria e con quelle mansioni pesanti che non fanno altro che aumentare la propria massa muscolare.

Ecco svelato il segreto, ci avventuriamo in questo romanzo dove il fascino del cowboy colpisce ancora e alla grande.

Fuoco. Bellezza. Dolore.

Sono i sentimenti e le emozioni che coinvolgono, a primo impatto, i due protagonisti.

Lei ha bisogno di un amministratore del ranch, lui ha una promessa da mantenere, un rapporto di lavoro basato sulle bugie non avrà vita lunga ma se poi tra i due scoppiasse la scintilla?

“Io non posso essere la tua prossima volta, Tatum… Eravamo condannati dall’inizio, tu e io.”

Superare un vecchio rancore e ritornare ad amare.

Lei vedova, lui fugge dalla sua famiglia.

“Mi sono opposto con tutte le forze ma mi sono innamorato di te, cazzo. Mi sei capitata tu.”

E noi?

Ci scioglieremo come neve al sole.

Della serie al cuore non si comanda, è più facile amare superando l’odio che odiare superando l’amore.

 

 

firma Claudia

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *