Recensione di “IL CANTO DI OESTEND” di MARIE SEXTON

 

 

 

 

 

 

I simboli hanno potere…

Aren Montrell ha sentito parlare degli spettri di Oestend: misteriose creature che sbucano di notte e uccidono chiunque si trovi all’aperto. Non ha mai avuto ragione di credere alle storie, ma dopo aver accettato un posto come contabile al BarChi, un polveroso ranch nella remota prateria di Oestend, Aren impara presto quanto gli spettri siano reali. Di colpo, si ritrova a vivere in una presunta casa infestata, sigilli e generatori sono le sue uniche protezioni contro le creature invisibili della notte. Come se non bastasse, deve fare i conti con una burbera, vecchia signora cieca, “mucche” mai viste prima, oltre al fatto di essere apparentemente diventato lo scapolo più desiderato dei dintorni.

Aren diventa anche l’unico confidente di Deacon, il nerboruto capomastro del BarChi. Deacon dirige il ranch con il pugno di ferro, ed è felice di avere finalmente qualcuno con cui parlare. Mentre la loro relazione si fa sempre più stretta, Aren scopre che c’è molto di più in Deacon e nel BarChi di quanto osasse sospettare. Deacon sembra determinato a negare sia le sue origini sia ogni diritto sul BarChi, ma se Aren vuole sopravvivere ai pericoli di Oestend, dovrà convincere il cowboy a smettere di fuggire dal suo passato e a reclamare finalmente ciò che gli spetta.

Un libro davvero particolarissimo, ma per gli amanti del fantasy e del gay romance è assolutamente imperdibile.

Siamo nella grande prateria di Oestend dove si trasferisce Aren, rinnegato dalla sua famiglia e dalla società per il suo orientamento sessuale. Aren diventa il contabile del ranch BarChi ed è qui che conosce Deacon, che più dello stesso proprietario sembra avere le redini del ranch.

Le leggende narrano che Oestend sia infestata dai fantasmi e Aren imparerà presto che quella non è solo una leggenda, ma una realtà con cui deve vivere e convivere, in quel luogo dove le comodità a cui era abituato non esistono.

Dovrà guadagnarsi la fiducia delle persone e cercare di tenere a bada le donne che gli si offrono in moglie e poi Deacon…  Deacon che diventa prima suo amico e poi qualcosa di più, Deacon che ha bisogno di lui aldilà della forza che dimostra di avere nel gestire il ranch.

Un libro bellissimo, con un inizio forse un po’ lento ma se non vi scoraggiate poi scoprirete un vero gioiellino.  Scoprire il rapporto stupendo tra questi due uomini che si completano a vicenda, scoprirete una storia affascinante e una narrazione che quando meno ve lo aspettate diverrà talmente avvincente da farvi divorare le pagine.

Un libro che non è solo una storia d’amore, ma anche la storia di un popolo a cui è stata strappata via la terra e che sotto forma di spirito torna a vendicarsi, in cui la magia si mescola all’amore che rende tutto possibile.

Consiglaitissimo!

Sensualità: 

Recensione: 

Editing: 

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA