Recensione “ALEXANDER. IL DHAMPYR. Vampires serie. Vol 2 ” di Chiara Kiki Effe

 

 

Rebecka Landi, a trent’anni, è un affermato agente letterario. Durante una vacanza ad Antibes, viene invitata al Festival di Cannes, per assistere alla proiezione di un film realizzato dalla Cavendish Project.

Alexander Cavendish, III duca di Devonshire, è un Dhampyr, figlio di un vampiro e un’umana, creato per cacciare le creature della notte ed epurare il mondo dalla loro presenza.

Quando Rebecka lo conosce avverte da subito una strana consapevolezza: è certa di sapere tutto di lui. Alexander ha fascino e lei ne rimane ammaliata. Eppure, è sicura che non sia solo attrazione, quella che prova.

A volte l’amore, quello eterno, va oltre le regole, il tempo e la morte.

Vampire’s Tales Vol.2 AUTOCONCLUSIVO

La parola d’ordine di questo romanzo è: fascino.

Essendo il protagonista un Dhampyr ossia figlio di un vampiro e di una umana, il fascino è una delle sue principali caratteristiche o armi di seduzione e Alexander ne ha da vendere. Infatti, è uno degli scapoli d’oro più ambiti al mondo e anche Rebecka, la protagonista, lo incontra ne rimane soggiogata. Eppure, non è solo fascino quel qualcosa che la porta a infatuarsi di lui al primo sguardo e a cedergli senza riserve dopo pochi minuti che lo ha conosciuto.

Entra qui in gioco il fascino del mistero, del mondo magico, della potenza dell’amore eterno. Entra in gioco un medaglione e un racconto che si snoda nei secoli di un grande amore, immenso, che vince anche la morte.

Il lettore viene stregato dalla storia che viaggia su due binari distinti ma che portano allo stesso punto finale e da due amori, uno profondo e radicato nel tempo e l’altro appena sbocciato, che dilaniano il cuore del protagonista che spera e ama ma che alla fine deve compiere una scelta.

Una bella storia, ben costruita e sviluppata, con quel pizzico di magia e mistero che affascina sempre, con due protagonisti molto interessanti, il tutto unito da una bella scrittura fluida e coinvolgente.

Consigliato!

 

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *