Doppia recensione “Un cuore di ghiaccio” di Karina Halle

 

 

 

Innamorarsi del proprio capo non è mai una buona idea. Specialmente se si tratta di un re. Quando mi sono proposta come tata per una ricca famiglia aristocratica, non mi sarei mai aspettata di finire nel palazzo reale di Copenaghen. Adesso la custodia delle due adorabili principessine della Danimarca è affidata a me. Adattarmi alla mia nuova vita non è facile, ma la parte più difficile non è avere a che fare con le ragazze che ancora soffrono per la perdita della madre. È il loro padre. Freddo, misterioso e lunatico, re Aksel riesce a penetrare la mia anima con uno sguardo. E da come mi evita, sembra che voglia avermi intorno il meno possibile. Eppure più a lungo condivido con lui le mura del palazzo e più mi sento irrimediabilmente attratta da lui.

Una bellissima favola moderna con tanto di principe, o meglio re, le fatine e qualche strano animale.

Re Aksel è rimasto vedovo, con due bambine da crescere e un regno da mandare avanti e gli serve una tata in gamba per far tornare il sorriso sui volti delle sue figlie. Aurora sembra un’ottima candidata ma per Aksel non va bene: troppo carina, una tentazione vivente.

Peccato che invece alle bambine piaccia subito e il re dal cuore di ghiaccio a loro, e solo a loro, non sa dire di no.

Un amore puro e improvviso, che può sciogliere anche il cuore più freddo, una dolce e romantica storia, una passione sfrenata e selvaggia sono gli ingredienti di questo brillante romance. Però ci sono anche troppe cose celate, non dette e pericolose per la coppia e per il regno.

Ottima la scrittura che fa amare un romanzo che forse non è dei più originali ma è davvero divertente, coinvolgente e anche commovente al punto che non si può non amarlo.

Consigliatissimo!!!

Storia non molto originale direi, lui un principe, lei l’impiegata che farà risvegliare il cuore del principe burbero.

Nota particolare degna di attenzione, l’ambientazione è diversa, questa volta si vola in Danimarca, e imparare un po’ di danese non ci farà male.

“Jeg elsker dig.”

Lei una donna che non ha radici stabili, lui un sovrano con il cuore in stand-by, il carattere scontroso e la gioia da tutti i pori si scontreranno e faranno scintille.

“Perchè ho l’impressione che stia per complicarmi la vita, anziché rendermela più facile?”

Aurora è la forza della natura, la luce del sole, in quel freddo cielo danese, un’aurora boreale, aria fresca. Una dea.

L’amore, se saputo scrivere, crea sempre non poche emozioni, il pianeta cuore ci riserva sempre delle piacevoli sorprese, poi se di mezzo ci sono delle principessine che adoreranno la tata ecco che la fiaba è già bella e scritta.

Semplice lettura, la storia d’amore della bella Cenerentola colpisce ancora e fa sempre sognare, manca la scarpetta di cristallo, dei topolini e la matrigna cattiva.

“Ho atteso quarant’anni perchè il mio cuore trovasse casa. Aspettavo te.”

Qui saremo alle prese con piatti vegetariani ed un maialino di nome Snaf Snaf, si alterneranno momenti tristi, dispersi in ricordi e flashback, a momenti pieni di ironia e battute sagaci.

Ottima lettura.

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *