Doppia recensione “Un amore disastroso” di Brittainy C. Cherry

 

 

So che dovrei stare lontana da Ian Parker. Ma quando quel bastardo del mio patrigno mi ha cacciata di casa, non sapevo dove altro andare. Sistemarmi in un capanno abbando­nato nella fattoria del nonno di Ian mi è sembrata una soluzione accetta­bile. Il problema è che Ian non ci ha messo molto a scoprire il mio nascon­diglio, e ora insiste perché mi trasfe­risca nella sua stanza libera. So che dovrei rifiutare, ma l’idea di un tetto e di un letto caldo è troppo allettante. Per non parlare degli occhi castani di Ian e delle sue braccia forti… Non siamo simili in nulla, ma la scintilla tra di noi è evidente. Sem­bra quasi che le cose stiano comin­ciando ad andare per il verso giu­sto… almeno finché la mia famiglia non si mette nuovamente in mezzo. Devo sacrificare i miei sogni per oc­cuparmi del figlio di mia madre? Ian è la mia occasione di trovare l’amo­re. Spero solo che non diventi la mia occasione perduta.

Attendo con ansia ogni uscita della Cherry e averla fatta in concomitanza con le feste natalizie è il miglior regalo per ogni lettore che la segue.

Anche se le sue trame provengono dai soliti cliché, le sue precisazioni e i suoi protagonisti rotti e spezzati la rendono unica ed originale.

A lungo andare potrebbe anche essere ripetitiva, ma non so cosa, mi invoglia a leggere sempre le sue storie.

Ian e Hazel due opposti?

Lui rock star, lei orfana con una madre tossica.

Lui vive in un bel cottage, lei in una roulotte.

Lui con un sogno nel cassetto da realizzare, lei con tutti i sogni spezzati.

Ian ha sempre odiato cosa rappresenta Hazel e soprattutto la famiglia di lei e cosa è riuscita a togliergli.

Ma in un giorno come tanti, Hazel cerca lavoro proprio alla fattoria della famiglia di Ian e da qui inizia “Oh, tesoro non hai idea in cosa ti sei cacciata. Benvenuta all’inferno.”

“Ian Parker era il diavolo in persona.”

Da una sorta di collaborazione lavorativa alla convivenza nel cottage, in un batter d’occhio i due si ritrovano a condividere gli stessi spazi, i propri pensieri e a conoscersi nel profondo con il “confession Time”.

“Perchè non riesci ad accettare che qualcuno ti aiuti? – Perchè so che prima o poi te lo rinfaccerà. Comunque grazie amico del cuore.”

E il muro di mattoni che Ian ha costruito intorno al cuore inizia a sgretolarsi lentamente.

“Perchè allontani la gente? – Perchè così non mi può abbandonare.”

Entrambi con ferite da curare, con cicatrici indelebili nel cuore e demoni da sconfiggere.

“Un giorno diventerai famosissimo, diventerai una stella. – Tu sei tutte le mie stelle.”

“Mi dispiace che la mia vita sia un casino. – Vorrei incasinarmi con te.”

Cosa significa amare? Far realizzare all’altro il suo sogno nel cassetto anche e soprattutto a discapito del cuore.

“Va’ a fare la tua musica e poi torna da noi, okay? Ti lasceremo accesa la luce del portico per farti tornare.”

Non ci sono parole per ogni libro della Cherry, ognuno entra nel cuore, mangiando a sua volta un pezzettino della tua anima.

ELEONORA

Ecco un romance YA veramente emozionante e interessante!

La prerogativa di Hazel, adolescente con una storia familiare pesante alle spalle, è il sarcasmo; quella di Ian, rampollo della famiglia più in vista del paese, è essere stronzo.

Quando queste prerogative si scontrano cosa potrà mai nascere? Sulla carta, Hazel e Ian non hanno nulla in comune, lei è una giovane donna con una madre tossicodipendente e un patrigno spacciatore che viene messa alla porta da un momento all’altro per fare posto al bambino che la coppia avrà a breve. Copre il suo corpo con abiti informi e neri, i suoi occhi di trucco pesante, vuole nascondersi dal mondo, apparire il meno possibile. Ma è una ragazza tosta e determinata che, per cercare di far uscire sia lei che la madre da quella situazione di abusi che il patrigno impone, non esita a cercare lavoro presso la fattoria di Big Paw, un anziano e importante membro della comunità. Non la spaventa il duro lavoro, nemmeno quello più disgustoso: vuole guadagnare il più possibile per fuggire lontano.

Ian è il nipote di Big Paw, ragazzo sexy, affascinante e gran puttaniere. Cerca, fra le braccia delle ragazze di turno, quel qualcosa che manca alla sua vita da quando è stato abbandonato dai genitori tossicodipendenti, e il suo odio più intenso è rivolto al patrigno di Hazel che designa come responsabile del suo dolore.

Appena Ian viene a sapere che Hazel sarà alle sue dipendenze il risentimento si acuisce e sfoga la sua cattiveria sulla povera ragazza. Ma Hazel non molla.

Ian è anche il frontman di un gruppo rock del paese, dove i componenti sono tutti grandi amici dall’infanzia, il suo successo con le donne è dovuto anche a questo, e le sue canzoni hanno grande successo nella comunità, ma Hazel ha il dono di vedere oltre e capisce che quei testi mancano di profondità per poter sfondare come meritano. Se Ian ha eretto un muro intorno a sé che lo protegge dal dolore, ma anche dalle altre emozioni, Hazel ha un rapporto totalmente opposto con la sua sfera interiore e aiuterà Ian prima con i testi e poi a demolire quel muro che lo circonda.

È un romanzo che va oltre il romance, ci mostra le cicatrici che lasciano le dipendenze non solo su chi ne abusa, ma anche sulle persone a loro care. I meccanismi di difesa che ogni persona mette in atto per proteggersi, i cassetti dell’animo in cui rinchiudono il dolore sperando di riuscire ad andare avanti.

Un romanzo che tratta l’amore ma anche la comprensione, la fiducia e la speranza.

Mi sono emozionata a leggere la storia di questi due ragazzi, la trama non è innovativa ma cattura l’attenzione del lettore e l’autrice ha saputo miscelare in modo sapiente i suoi ingredienti: amore, sesso, amicizia, dolore e coraggio, dando un ritmo molto accattivante al romanzo, tant’è che non riuscivo a staccare mai, cercando ogni briciola di tempo per poterlo leggere.

Lo consiglio assolutamente!

firma Anna

firma Claudia

 272 total views,  1 views today

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *