Doppia recensione “Il mio dolce peccato” di Penelope Bloom

 

 

 

Qualcuno potrebbe pensare che avere un capo tremendamente sexy sia già abbastanza difficile… Evidentemente non sanno cosa significa avere come datore di lavoro la propria prima cotta. Ryan continua a essere tremendamente affascinante, ma questa volta devo trattenermi dall’istinto di saltargli addosso. E anche se mi fa impazzire, questa opportunità è preziosa. Fa tutto parte del piano: devo creare dei poster per una megafesta di Halloween e dopo potrò partire per Parigi inseguendo il mio sogno di diventare un’artista. Si tratta solo di resistere tre mesi, dopotutto. Ma Ryan è una di quelle tentazioni continue che non posso permettermi. Come una studentessa che, dopo un ottimo semestre, rischia una brutta insufficienza. E il fatto che possa essere proprio lui a darmela non fa che aumentare la tentazione… Ma ormai ho deciso: devo solo consegnargli i miei disegni e fuggire il più lontano possibile da qualunque fantasticheria su di lui.

Si continua con la serie di Penelope Bloom.

Il primo per me è stato encomiabile, gli altri delle letture leggere e frizzanti.

Non cambia il genere, sempre ironico e tipico da commedie americane, scorrevolissimo e sempre con la sana risata che si tira dietro.

L’attrazione viene arrestata fin dai primi passi, o perlomeno i protagonisti cercano di troncarla.

La protagonista è troppo esilarante, le battute sempre pronte a scatenare risate a raffica.

“Cupito userebbe il suo stupido arco senza farsi notare. Tu sembri Arnold Schwarzenegger.”

L’unica pecca? Il protagonista maschile, troppo taciturno e non ben definito, non mi sono creata un’idea del suo aspetto e del suo carattere. Peccato.

Consiglio comunque la lettura perché la protagonista riesce a tappare tutti i buchi, e il sorriso è sempre dietro l’angolo.

firma Claudia

Carino, romantico e divertente.

Avete ancora qualche ultimo giorno di ferie e volete leggere un dolce romance che non impegni troppo e che sia veloce? “Il mio dolce peccato” è perfetto per lo scopo!

Dolce come i cupcake che cucina, Ryan è un ragazzo allergico ad ogni ragazza che potrebbe essere più di una semplice amica. Se non fosse che quando incontra Emily, la corazza armata a cemento, costruita negli anni, cade, infrangendosi a terra alla velocità della luce. Riuscirà a capire che non può far entrare anche lei nella friend-zone? Ma soprattutto riusciranno i due a scamparla ai modi per niente consoni che gli amici di Ryan usano per farli innamorare l’uno dell’altra?

È un romance non troppo originale, ma ci sta. Tanto veloce sia nella lunghezza che nella narrazione, scorrevolissimo e accattivante. Mi sono trovata spesso con il sorriso sulle labbra quando si punzecchiavano o caricavano di malizia le loro battute, anche non volendo.

Una cosa non mi è affatto piaciuta: ho trovato una forzatura far essere troppo ironici i protagonisti, come se dovessero ostentare il loro modo di essere. Bello tutto, ma quando è troppo è troppo.

Per il resto lo consiglio a chiunque voglia leggere qualcosa di leggero e, ripeto, veloce.

firma Claudia

ELEONORA

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *