Doppia recensione “Il capitano e l’intrepida cortigiana” di Fabiola D’Amico

 

 

 

Dopo aver lasciato Ginevra nelle mani del fratello, Caterina torna in città. Il suo istinto le grida che il tradimento di Massimo celi una verità sconvolgente.
In effetti il suo amico sembra scomparso e ad aiutarla nell’impossibile quanto pericoloso salvataggio, accorre il conte Ivan Nicolai Petrov, capitano dell’armata russa.
Può fidarsi di lui? Ma ha altre alternative? Lui è così determinato a non lasciarla andare in un luogo di perdizione da sola! Caterina sta per ripiombare in un mondo dal quale aveva promesso di fuggire per sempre. A complicare il tutto ogni momento che passa Caterina sente per Ivan emozioni mai provate, lui che sembra volerla ma non la prende, lui che le dona piacere ma non lo cerca per sé, tuttavia sa che il capitano non potrà mai amarla perché lei è marcia, un fiore secco e quando arriva il momento di tornare da Ginevra, Caterina va via senza voltarsi indietro.
Ivan, da quando è morto il fratello, ha a cuore solo il bene della sua nipotina, ha chiuso con il passato, con la violenza, con le sue perverse inclinazioni sessuali ma la sconvolgente verità su Caterina e il pericolo in cui lei si caccia per scoprire cos’è accaduto al suo amico minano quel suo ferreo autocontrollo, con lei si denuda delle maschere che indossa per proteggere gli altri da se stesso e comprende che per il suo bene è persino disposto a lasciarla andare, ma essere gentiluomo non è il suo forte quando di mezzo c’è la cortigiana più intraprendente e fragile che abbia mai conosciuto. Ecco perché seguirla a Londra è la cosa più giusta da fare, e scoprirla in un nuovo pericolo gli fa perdere ogni controllo. Lei ha bisogno di lui.
I nostri lestofanti e le loro dame coraggiose riusciranno a mettere al sicuro i bambini di Londra e il terribile nemico pagherà per le colpe commesse?
Avventura, pericolo, passione e commozione vi condurranno alla fine di un viaggio emozionante.

Questa serie dei Lestofanti, per me è stata unica.

Innamorata di ogni singolo protagonista, co-protagonista, comparsa e scomparsa.

Romanzi d’altri tempi, storie sensuali e passionali, protagonisti che ti fanno arricciare anche le dita dei piedi.

Scrittura? Sublime e perfetta.

La D’amico è perfetta in ogni sfumatura che dà vita ai suoi libri, calibra ogni protagonista nella sua storia, lo plasma a suo piacimento e lo rende unico e a quel punto è molto facile innamorarsene.

Qui siamo alle prese con una cortigiana, da moglie a cortigiana, ed un uomo vissuto, amante del sesso e di pratiche all’epoca poco note.

Il Conte Ivan Nicolai Petrov e la Cortigiana della situazione.

“E’ solo questione di tempo e il topo finirà tra le grinfie del gatto per quanto ti ostini a sfuggirgli”.

Mi è piaciuta questa caccia del gatto al topo, il conte che la insegue, le paure che affrontano per ritrovarsi, e Caterina con il suo fardello, incapace di fidarsi ancora.

E’ stata una di quelle coppie ben assortite, c’è eros e la sensualità tra i due è palpabile fin dalle prime pagine e c’è amore seppur celato.

Abbiamo ritrovato i vecchi protagonisti e abbiamo visto come si è evoluta la loro storia.

Abbiamo assaporato questa nuova coppia e tra rabbia e amore, li abbiamo fatti entrare dentro il cuore.

“Gli incubi che mi tengono sveglio la notte non sono tanto diversi dai tuoi ma insieme possiamo dimenticare, mettere una pietra sopra gli errori.”

Eccomi a parlare di questo 4 e ultimo capitolo dei Lestofanti, una saga appassionante che ha tenuto incollate moltissime persone, tutte entusiaste della trama, dal primo libro a questo splendido spin off.

Ebbene vorrei non raccontare la storia per filo e per segno, vorrei soffermarmi su i protagonisti così ben rappresentati, ben sviluppati dove ritroviamo i personaggi delle precedenti uscite, coinvolti nelle scelte non sempre giuste di Ivan, dettate più dall’orgoglio e rabbia e dal fatto della nobile decenza piuttosto che un vero inganno della protagonista.

Man mano che la storia prosegue ci si innamora sempre più di Caterina e come sempre si partecipa e parteggia per il lieto fine. Sono sicura che le pagine di questo Romanzo vi conquisteranno e vi trasporteranno in luoghi che meritano di esserci state. Consiglio la lettura a chi ama il genere.

ANGELJ

ELEONORA

La nostra votazione

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *