Blog tour “Miss Miles”, caratterizzazione dei personaggi

 

 

 

 

 

Scheda libro

Titolo: Miss Miles

Autore: Mary Tylor

Traduttore: Alessandranna D’Auria

Editore: Darcy Edizioni

Pagine: 800 circa

Genere: classico

Costo: 3,99€ in ebook – 16€ – in promo a 0,99€ in ebook dal 20 al 27 dicembre

Data d’uscita: 20 dicembre

Yorkshire, 1830.

Maria, Dora, Sarah e Amelia sono le protagoniste di queste storie intrecciate fra loro che, in qualche modo, riescono ad avere un comune denominatore: la forza delle donne.

Siamo nell’Ottocento, un periodo in cui la donna deve sottostare alle regole maschili e tacere, come la buona norma impone. Maria, Dora, Sarah e Amelia però, in barba alle regole del tempo e nonostante le avversità che cercano di ostacolarle, si dedicheranno alla ricerca del loro destino. Un destino che non è già scritto, come la società vorrebbe, ma che loro stesse vogliono creare. Chi sono queste donne, caparbie e intelligenti, che sfidano le regole degli uomini?

Quattro storie che vi faranno ricredere sulla forza di volontà femminile e che racchiudono due semplici ma grandi valori, sempre attuali: l’amore e l’amicizia.

Scritto da Mary Taylor, una delle più care amiche di Charlotte Brontë, Miss Miles è considerato uno dei primi manifesti femministi ottocenteschi.

Personaggi:

Sarah Miles delle quattro può considerarsi la protagonista, infatti dà anche il nome al romanzo. E’ una giovane appartenente alla classe borghese, figlia del droghiere del paese, e mostra fin da subito il suo animo ribelle, il suo carattere forte e determinato. Vuole studiare, andare a scuola e un domani lavorare per vivere, divenendo economicamente indipendente come un uomo. Arriva persino a rifiutare un pretendente, proprio perché non accetta di sottomettersi alle condizioni classiche della donna nell’Ottocento. Non vuole dipendere da nessuno se non da se stessa, dando prova di grande coraggio e voglia di cambiamento.

 

Mary invece è di natali più elevati, tuttavia rimasta orfana non si vuole piegare ai voleri e alla protezione di uno zio che tende a comandarla come fosse un oggetto, così, con l’eredità dei genitori, avvia una scuola (poi frequentata da Sarah e Amelia). Questo ovviamente provoca un forte scandalo agli occhi dei parenti per via del loro rango, ma non ferma la ragazza dal perseguire i propri scopi. Caratterialmente non ha la forza e la spavalderia di Sarah, Mary è più dolce e generosa, ma questo non incide sulle sue scelte.

 

Dora rimane anch’essa sola al mondo ma a differenza dell’amica Mary si trova in una condizione differente. Innanzitutto la mancanza di mezzi e poi il fatto che alla morte del padre la madre si fosse sposata con un poco di buono che l’ha privata della rendita e l’ha costretta a servire in casa propria. Alla morte poi di entrambi la ragazza dovrà fare i conti con i figli del patrigno che le rifiutano il denaro che le spetta e la maltrattano costringendola a fuggire di casa e a cercare un lavoro che possa renderla indipendente. Fortunatamente Dora trova un sostegno forte nell’amica Mary che la sostiene e la incoraggia altrimenti avrebbe avuto non poche difficoltà a sopravvivere.

 

Amelia delle quattro è quella che sembra vivere nella condizione migliore, almeno economicamente, finché un dissesto finanziario cambia le carte in tavola. Da ragazza senza grilli per la testa, matura e responsabile nonostante sia la figlia più piccola, vorrebbe aiutare la sua famiglia trovando un impiego a dispetto di ciò che dice e pensa il resto dei parenti che preferiscono fare la fame piuttosto che abbassarsi a lavorare, tuttavia questo le viene impedito. Non ha la forza per ribellarsi neppure quando la famiglia tenta di risolvere i problemi con un matrimonio che lei non desidera con un uomo senza scrupoli. Delle quattro sembra la più impotente, quella che non vede via d’uscita, la sua lotta è interiore più che altro. Si sente imprigionata e si lascia andare rifiutandosi di sottomettersi al volere della famiglia. E’ anche questo un gesto di ribellione ma che non porta aria di cambiamento come invece avviene alle altre ragazze.

 

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA