San Valentino con Daniel Di Benedetto

 

 

 

 

 

 

Ciao Daniel, benvenuto.

Che ne dici di darci qualche link per poterti seguire sul web e conoscerti meglio?

www.dark-zone.it

www.facebook.com/i_libri_di_Daniel

Instagram: halfangel81

 Chi è stato il tuo primo amore letterario?

 Direi che i classici per ragazzi siano stati il primissimo amore letterario. Però Enrico Brizzi con “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” è il primo libro che mi ha fatto capire che l’infanzia stava lasciando il posto a qualcosa d’altro

 Regalandoti quale libro si può conquistare il tuo cuore?

 Un noir italiano, ben scritto e con una parte psicologica dei personaggi importante. Oppure un libro di narrativa che riesca ad avere una storia ariosa e faccia entrare in piena empatia coi protagonisti.

 Con quale autore, non contemporaneo, scriveresti una storia d’amore?

Con Carlo Collodi. Pinocchio se lo si guarda bene è un romanzo di formazione che nasconde una forma d’amore totale.

 Descrivi l’amore utilizzando tre titoli di libri.

  1.  Un Giorno – One Day
  2. 7/7/2007
  3. Avventure semiserie di un ragazzo padre

 La più bella storia d’amore mai scritta è ……….

 Quella di Brooke Logan e Ridge Forrester, ovvio!

…ok, ok la smetto…

Dire Romeo e Giulietta è scontato e poi sti babbi muoiono pure! Allora potrei dire Cyrano de Bergerac (oddio, non è che finisca tanto meglio…)

 Immagina di trovarti a un ballo in maschera con i protagonisti di tutti i tuoi libri preferiti.                  Con chi balleresti e perché?

 Figo, sono a Uomini e Donne Over e non lo sapevo? Ehm… torno serio…

Con l’ispettore Grazia Negro di Almost Blue (Carlo Lucarelli). Mi ha sempre fatto tanto sangue, a pelle…

 Se potessi viaggiare nel tempo, in quale epoca andresti e di chi potresti innamorarti?

Non sono un amante del “Si stava meglio quando si stava peggio”… siamo in quest’epoca e dovremmo cercare di viverla meglio possibile, senza rovinarla con mille caXXate che ogni giorno il mondo ci propina.

Però un giro nell’Ottocento, con le cosiddette “dame velate” lo farei…

 Immagina di fare un regalo per San Valentino a uno dei tuoi personaggi.                                          Chi sarebbe? Cosa regaleresti e perché?

 Odiando cordialmente San Valentino è complicato rispondere. Direi che mi piacerebbe regalare del Tempo a Marta Rosa ed Eugenio, due personaggi di Waiting… credo ne abbiano un estremo bisogno, foss’anche soltanto per riuscirsi a dire addio…

 Dedica una canzone d’amore a uno dei tuoi personaggi

 A Marina, di Per non perderti… ALL OF ME, di John Legend…

 L’amore è ….

Proteggere a ogni costo… e sapere anche riconoscere il momento di dire basta…

Dedicaci un pensiero d’amore.

Tratto da un racconto inedito (e che resterà tale…)

 

<< Penso che… no, non lo so se posso dirlo davvero, quello che penso. Certo, sto bene. Sto benissimo, con te. Adesso. Da morire. >>

<< Però? Perché non puoi dirlo? >>

Perché è una cosa che fa paura. E io adesso ho il terrore di avere paura e di poterti spaventare confessando che mi sono innamorato di te. Perché ora io ti amo come un bambino può amare il suo orsacchiotto preferito di peluche, quello che lo fa sentire al sicuro la notte. Forte e invincibile allo stesso tempo. Quello che riesce a farlo addormentare in mezzo a pensieri leggeri e giocosi, rendendolo sereno e forte.

Perché fa una paura fottuta dire a qualcuno che lo ami. E’ un rischio elevato che è complicato correre. Perché noi siamo qui. Siamo oggi. Io e te. E non possiamo permetterci di pensare a domani, non adesso. Perché domani è un punto di domanda gigantesco al quale non abbiamo risposta. Siamo noi. E devo farmelo bastare, così come viene, quando c’è. Domani, ognuno tornerà alla propria vita e ai problemi quotidiani da risolvere e chissà quando avremo di nuovo la possibilità di essere così. Belli e innamorati di quest’attimo da vivere a pieni polmoni, come siamo ora.

Perché ho il terrore della certezza di vederti andare via, amore mio. E lo so, accadrà prima o poi e non potrò farci niente. Ma rimanendo in silenzio mi illudo di avere la possibilità di rimandare ancora un po’ quel momento in cui ti guarderò mentre ti allontanerai a poco a poco, facendo “ciao ciao” con la manina sempre più distante. E io mi ritroverò seduto chissà dove, da qualche parte nel mondo con un bicchiere in mano e lo sguardo perso nel vuoto, a ricordare momenti meravigliosi come questo. E piangerò sorridendo, in preda alla malinconia e alle mie debolezze dalle quali non mi separo mai. Sperando in un domani differente che forse non avrò mai il diritto di vivere.

 

 

 

Grazie per aver deciso di partecipare a questa iniziativa e per averci dedicato del tempo prezioso.

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA