Review Party “Do not trust” di Karen Morgan

 

 

 

 

 

 

Dopo l’incidente avuto, Jasmine Davies decide di dare un taglio netto alla sua vita, ha bisogno di cambiare e di non essere più la ragazza che ha perso la memoria.

Scappa da Lipsia, dove non aveva più pace, e si trasferisce a Londra, iniziando una nuova vita come segretaria di Ashton Sutter, dentista conosciuto e apprezzato per la sua avvenenza.

Sembra andare tutto a gonfie vele, ma la vita di Jasmine cambia quando incontra Jay Hughes, un uomo bello e misterioso, quanto pericoloso.

Jasmine si troverà a vivere un incubo dove la salvezza sembra sempre più lontana.

Chi è davvero Jay? Cosa vuole da Jasmine?

Da leggere! Inizio la recensione come in teoria a volte le concludo. Questo per farvi capire cosa mi ha lasciato il libro in questione. Non avevo mai letto nulla di quest’autrice e mi dispiace immensamente, ha talento, scrive bene e per quanto riguarda questo libro nello specifico, cattura il lettore.

Un romance? Un dark? Un thriller? Io posso dirvi che è un bel mix di tutti e tre i generi. Un susseguirsi di vicende che ti invogliano ad andare avanti nella lettura, un mix di emozioni che ti si scatenano dentro, una storia che ti lascia sul filo del rasoio per tutta la durata del libro. Solo all’epilogo riesci a lasciarti andare e tirare un bel sospiro di sollievo.

Una trama intricata e particolare, due folli, che tentano di rovinare una vita già di per se spezzata da eventi passati, e un uomo. Un uomo a cui io affiderei sia il mio cuore che la mia anima. Un uomo che riesce a farti sentire una principessa anche in mezzo al caos più totale.

Due personaggi forti, ben caratterizzati, ma soprattutto che riescono a scavarti l’anima. Una trama ben strutturata che riesce ad incuriosire il lettore e farti desiderare di volerne di più. Devo dirvelo… alla fine mi è dispiaciuto chiuderlo, non mi sentivo ancora pronta a lasciare andare Jasmine e Ash. Li rivedremo? Non penso, perchè il libro ha il suo degno finale, ma forse una piccola novellina l’autrice potrebbe anche scriverla, no?

Detto questo, viva l’amore, che anche in questo caso, è riuscito a unire i cuori dei nostri protagonisti.

Lettura piacevolissima, scorrevole e sicuramente da ripetere!

SENSUALITA’: 

RECENSIONE A CURA DI: 

EDITING A CURA DI: 

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA