Recensione “Un insolito corteggiamento” di Scotty Cade

trama

Tristan Moreau ama il proprio lavoro come assistente e segretario personale di Webber Kincaid, Presidente, Direttore e Amministratore delegato della Kincaid International. Sarebbe il lavoro perfetto… se solo non si fosse innamorato del proprio capo oltre che del lavoro. Dopo due anni, sta ancora facendo tutto quello che può per tenere nascosti i suoi sentimenti, soprattutto perché vuole proteggere la reputazione del suo famoso capo, ma anche perché vuole conservare il posto.

Webber Kincaid non si è dichiarato e usa la sua migliore amica e confidente come copertura. Tutto nella sua vita prosegue perfettamente finché non incontra Tristan Moreau. In pochi mesi, Tristan gli ha rubato il cuore ed è diventato la sua àncora di salvezza. Ma Webber conosce le regole del mondo del lavoro meglio di chiunque altro, così ha mantenuto le distanze.

Ma due anni sono troppi per continuare a chiedersi ‘cosa succederebbe se…?’, specialmente quando gli affari li portano su un’isola privata nei Caraibi. Quando Tristan e Webber soccombono al calore dei tropici, la professionalità comincia a incrinarsi. Sembra una relazione impossibile, soprattutto sotto l’attenzione costante dei paparazzi: potrebbe essere la migliore, o peggiore, decisione d’affari che abbiano preso.

recensione

Scotty Cade ci porta con sé a conoscere Webber, presidente e amministratore delegato della KIC, e il suo personale assistente Tristan. I due sono innamorati uno dell’altro da anni, eppure nessuno trova il coraggio di farsi avanti. Tristan teme di essere licenziato e Webber teme una denuncia per molestie. Entrambi preferiscono lavorare uno accanto all’altro, accontentandosi di starsi accanto e amarsi in silenzio, perché allontanarsi sarebbe troppo doloroso.
Gli anni passano, e Webber ad un certo punto inizia a chiedersi se non sia meglio rischiare. Così invita Tristan ad andare con lui ai Caraibi, facendo passare l’invito come un viaggio di lavoro. Tristan è entusiasta all’idea di andare con Webber ai Caraibi e soprattutto all’idea di passare del tempo da solo con lui, ma quel sogno viene ben presto spezzato quando insieme a loro, nella bellissima isola tropicale, si presenta anche la fidanzata di Webber. O almeno la donna che tutti credono sia la sua fidanzata. Già, perché Webber non è affatto dichiarato e tutti sono convinti che sia etero.
Quando Webber decide che finalmente è arrivato il momento di rischiare, un’incomprensione rischia di allontanare i due uomini e sarà proprio la “finta fidanzata” di Web a dover fare da intermediario. Ad arricchire la storia ci sarà anche la scoperta di un affare losco in cui è coinvolto uno dei dipendenti della Kic.
Quella che ci racconta l’autore è una storia piacevole da leggere. Racconta di un amore che cresce nel silenzio, accontentandosi delle piccole attenzioni che i due uomini si dedicano, cercando di non rendere evidente all’altro quel sentimento che vive dentro il loro cuore. Un modo per passare qualche ora con una lettura leggera e romantica.
Sensualità:

cuori3

Recensione:

Firmabriciola

Editing:

pandora

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA