Recensione “Sutphin boulevard” di Santino Hassel

 

 

 

 

Michael Rodriguez e Nunzio Medici sono amici da due decenni. Sono sempre stati sulla stessa lunghezza d’onda, da quando hanno deciso di fuggire dalle loro famiglie disfunzionali del quartiere della classe operaia di South Jamaica, nel Queens, fino a insegnare in una delle scuole più accessibili alla comunità LGBTQ di Brooklyn. O così credono, finché una notte soffocante passata a ballare li porta a un incontro inaspettato che cambierà per sempre la loro amicizia.

Ora, i tocchi distratti e gli sguardi prolungati trasudano tensione sessuale, e Michael non riesce a dimenticare cosa si prova ad avere addosso le mani del suo migliore amico. Quando i problemi sul lavoro e a casa si accumulano, Michael cerca una costante via di fuga nella naturale intimità e nella sorprendente affinità che lui e Nunzio condividono a letto. Quella soluzione così semplice, però, non è destinata a durare.

Quando il suo mondo comincia a sgretolarsi in un mare di tragedie e complicazioni, Michael sa di dover fare una scelta: rassegnarsi a percorrere la strada verso l’autodistruzione o accettare l’amore dell’uomo che è stato al suo fianco per vent’anni.

 

Devo ammettere che quando ho terminato la lettura di questo libro ho sofferto un po’ perché davvero non volevo staccarmene.

Mi sono innamorato di Michael e di Nunzio fin dalle primissime pagine. E come non innamorarsi di loro? Amici da vent’anni, schietti, sensuali, apparentemente senza freni. Scappati dal loro quartiere e dalle famiglie, questi due ragazzi si sostengono a vicenda da una vita. Tra loro c’è sempre stata una profonda amicizia, contornata da qualche occasionale strusciamento quando erano in pista a dimenarsi. Michael li ha sempre considerati innocui, non gli è mai venuto in mente che Nunzio, per quanto sexy, potesse essere qualcosa di più.

Quando però finiscono a letto con David, contemporaneamente, Michael si riscopre decisamente più attratto da Nunzio che dallo stesso David. Inizia così a provare delle sensazioni molto forti per il suo migliore amico, che insieme al ritorno in scena di suo padre e al dover gestire Ray, il fratello minore, lo porteranno a far sgretolare tutto il suo mondo.

È davvero bellissima questa storia. L’interiorità di Michael è descritta benissimo, il suo desiderio verso Nunzio, la sua confusione, il suo declino nell’alcool e infine la lenta risalita e la presa di coscienza dei suoi errori ma soprattutto del suo amore per Nunzio. Mi ha tenuto incollata alle pagine dall’inizio fino alla fine e avrei voluto averne ancora. Avrei voluto leggere ancora di loro e vederli vivere la loro storia finalmente consapevoli che, dopo vent’anni di attesa, il loro amore è finalmente libero di potersi esprimere con tutta la passione che contraddistingue entrambi.

Consigliatissimo!

 

Sensualità: 

Recensione: 

 

Editing: 

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA