Recensione “SOTTO ATTACCO” di A.E. Wasp

 

 

 

 

 

 

Cosa succede quando ciò di cui hai bisogno può costarti tutto ciò che hai sempre desiderato?

Ciò che Dmitri Wellington vuole è una via d’uscita – una via d’uscita dai debiti, dalla sua casa malmessa e da Red Deer, in Colorado. La salvezza lo raggiunge nella forma di un’opportunità di lavoro in California.

Ciò che il veterano Troy Johnson, appena congedato dall’esercito, desidera è semplicemente avere un po’ di pace – posare le armi, mettere radici da qualche parte e togliersi dalla testa i ricordi che lo tormentano. Red Deer sembra il posto perfetto per fare tutto ciò.

Quando i loro cammini si incrociano, durante il caldo weekend del Quattro Luglio, volano scintille e i due uomini scoprono che ciò di cui hanno bisogno è l’uno dell’altro.

Ma i ricordi da cui Troy sta fuggendo gli stanno con il fiato sul collo e, che lui lo voglia o meno, Dmitri è deciso a salvarlo dai demoni contro cui non aveva nemmeno realizzato di star combattendo.

Inizio divertente, ironico, anche romantico, seguito da una parte più introspettiva e psicologica molto intensa.

I protagonisti, Dmitri e Troy, sono due giovani molto diversi fra loro per storia e carattere. Dmitri è un ragazzo sempre vissuto nella zona di Red Deer Colorado, pieno di problemi, soprattutto economici ma anche relazionali, che cerca una via di fuga. Troy è un ex veterano, congedatosi da pochi mesi e deciso a rifarsi una vita lontano da casa e dalla guerra, lascia tutto per riprende l’università e provare a vivere in piena libertà la sua vita. Non è mai uscito alla luce del sole con un ragazzo, non ha mai vissuto a pieno la propria omosessualità, ma soprattutto ha bisogno di riprendersi dalle atrocità della guerra. Quello di cui non si rende conto è che da solo non può farcela, il primo passo infatti è accettare di avere un problema, e il DPTS, disturbo postraumatico da stress non va sottovalutato. La paura, gli incubi, la depressione, la rabbia latente posso rivelarsi un’arma pericolosa in mano ad un ragazzo solo. Questo lo capisce fin da subito Dmitri.

Si sono cercati con gli sguardi per un lungo periodo e poi, al primo approccio, qualcosa fra loro è scattato senza più lasciarli. Nonostante si conoscano poco, la dolcezza e la delicatezza di Dmitri verso Troy lo costringono ad aiutare l’amico e amante a non affrontare da solo il cammino. Purtroppo non è facile né aiutare chi non vuole essere aiutato o crede di non averne bisogno, né d’altro lato farsi aiutare, perché implica un dover abbassare le difese e i muri costruiti per proteggersi.

Un grande lavoro dell’autrice che ha delineato due personaggi interessanti e complessi in una storia molto coinvolgente che merita di essere letta.

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA