Recensione “Per una causa comune” di Andrew Grey

 

 

 

 

 

Bryce Morton ha bisogno di cambiare aria: dalla morte del suo compagno, avvenuta un anno prima, è diventato distante e taciturno. I suoi amici, Jerry Lincoln e Akecheta (John) Black Raven, lo convincono ad andare in campeggio con loro in una riserva Sioux. Anche se l’idea lo lascia perplesso, l’interesse di Bryce aumenta quando conosce Paytah, il proprietario dell’emporio del posto. La vita di Paytah Stillwater è colma di sofferenza e l’unica cosa che gli rimane è l’orgoglio. Dopo essere stato abusato da bambino e aver visto la propria denuncia accolta con incredulità, si è chiuso in se stesso, ma non riesce a mettere una pietra sul passato, perché la causa del suo dolore sta ancora nella riserva. Paytah è orgoglioso delle tradizioni del suo popolo e custode attento del proprio cuore, ma quando Bryce compie un gesto di altruismo nei confronti di un bambino nativo, le mura che ha costruito attorno a sé cominciano a crollare. Bryce e Paytah devono affrontare entrambi il dolore che si portano dentro. Quando colui che ha fatto del male a Paytah posa gli occhi su uno dei ragazzini della riserva, i due devono mettere da parte la propria lotta interiore. La ricerca di un modo per fermare quell’uomo li unisce in una causa comune e nel cammino verso un futuro insieme.

Bryce è in lutto, l’amore della sua vita è morto a pochi giorni dal matrimonio, ma per fortuna ha dei veri amici al suo fianco.

La vicenda è vissuta in prima persona dal protagonista, attraverso i suoi occhi, i suoi pensieri e le sue percezioni; affronta il grave problema che affigge la società moderna e lo fa vivere ai suoi protagonisti in prima persona. Paytah, il nuovo amore di Bryce, è stata una delle innumerevoli vittime e la sua anima ne porta ancora profonde cicatrici. Il loro riscatto farà emergere un aspetto e un sentimento che accomuna tutte le vittime e rende loro giustizia.

Mi è piaciuto come l’autore faccia sua questa denuncia attraverso la storia d’amore che scrive con maniera e che coinvolge il lettore fino all’ultima pagina. L’autore non da una faccia o un corpo ai suoi protagonisti, lascia che l’immaginazione lavori da sé. I personaggi che fanno da spalla sono anche il motore che fa andare avanti il racconto.

…” E’ questo il punto. voglio che tu sappia che ci tengo a  te.” disse, agganciando quegli occhi penetranti e di un marrone profondo. Se Bryce non fosse già stato nudo, si sarebbe sentito così, come se l’altro gli stesse guardando nel profondo dell’anima.”  (cit.)

Giudizio finale discreto e lo consiglierei sicuramente.

Sensualità: 

Recensione: 

Editing: 

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA