Recensione “NOCTURNE” di Fabio Murgano

 

 

 

 

 

Quando Patricia Walker varca la soglia di Palazzo Diamond, capisce che qualcosa di sinistro aleggia all’interno dell’orfanotrofio. Gli occhi dei bambini sembrano racchiudere una verità spietata.

Patricia intende andare fino in fondo e scoprire chi si cela dietro i membri dello staff…

 

Un thriller in cui si respira un’atmosfera tetra e misteriosa fin dalle prime righe.

Una narrazione in prima persona che crea la giusta armonia tra pathos, thriller, curiosità e paura.

Il disagio della protagonista che si ritrova in questo orfanotrofio misterioso, sperso nel nulla, è talmente forte che scava la pelle logorando ogni cellula del corpo di chi legge.

Una storia breve ma che contiene tutti gli ingredienti per un thriller di grande effetto.

Mi ha tenuta con il fiato sospeso, curiosa di scoprire quali segreti si nascondessero dietro quei personaggi così cupi e grotteschi e quei bambini così tristi e silenziosi che urlavano dentro il silenzio la loro voglia di libertà.

Complimenti all’autore che ha saputo calarsi nei panni della protagonista femminile donandole delle caratteristiche molto forti e una personalità in cui è facile identificarsi.

Una storia breve ma probabilmente mi hanno emozionato di più queste 49 pagine che altri romanzi interminabili.

Un autore dal talento di un diamante allo stato grezzo.

Da seguire in ogni suo prossimo lavoro.

 

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA