Recensione “Natale di terra rossa” Cuore di terra rossa V. 3.5 di N. R. Walker

 

 

 

 

 

 

In questo racconto natalizio, la Walker immagina come sarebbe potuto essere il primo Natale di Travis alla Sutton Station.
È una sorta di “what if”, qualcosa che tecnicamente non è accaduto, come dice lei stessa nella nota introduttiva. La storia si colloca temporalmente tra il terzo e il quarto romanzo, ma è consigliabile leggerla dopo aver concluso tutta la serie, perché nel presentarla la Walker fa riferimento ad avvenimenti legati all’ultimo libro, per tirare le fila della storia e ricordarci a che punto eravamo.

Travis stava alla Sutton Station da poco più di un anno. Tecnicamente eravamo fidanzati, ma non lo avevamo detto a nessuno.
Lui era felice anche solo di sapere che avevo detto di sì, e io dovevo affrontare alcune cose per schiarirmi le idee.
Sapere di essere all’altezza di Trav era una cosa, ma tutt’altra cosa era chiedermi se ero all’altezza di essere un marito e un padre.
La vita alla Sutton Station non era mai stata più bella di così. Gli affari andavano alla grande. Gracie, la bambina di Trudy e Bacon, non aveva neanche un mese ed era un amore, Ma era in buona salute e il mio rapporto con Laura e Sam procedeva bene.
E Travis? Beh, la vita con lui era ancora praticamente perfetta.
Ma, per lo sgomento di Travis, il Natale alla Stazione era solo un giorno come un altro. Un giorno in cui ci si alzava prima dell’alba, si dava da mangiare agli animali, si aggiustava quello che c’era da aggiustare, e si controllavano gli abbeveratoi mentre si cercava di tenersi al riparo dalla temperatura rovente.
E quell’anno non era molto diverso.
Solo che era il primo Natale di Travis alla Sutton Station.
Il fatto che non ci impegnassimo con le decorazioni e con i festeggiamenti lo confondeva, se devo dire la verità, lo deludeva anche.
Ecco perché dovevo trasformarlo in un Natale speciale.

Chi ha amato questa serie non potrà che apprezzare questo racconto, che si colloca tra il terzo e il quarto capitolo della serie. Nell’ultimo libro, il quarto, abbiamo lasciato i nostri Travis e Charlie sposati e con una figlia. Qui facciamo un passo indietro. Travis ha chiesto a Charlie di sposarlo ma lui non ha ancora risposto.

È il primo Natale di Travis alla Sutton Station, ma lui è un po’ abbattuto perché si rende conto che i festeggiamenti a cui lui abituato con la sua famiglia sono molto differenti da quelle che avvengono alla Sutton. Alla Sutton il Natale è un giorno di lavoro come gli altri. Ma Travis non è disposto a far passare quella giornata totalmente in sordina. Si ritrova quindi a fare l’albero di natale anche se con addobbi vecchissimi.

Quello che Travis non sa è che Charlie in realtà gli sta organizzando un Natale con una bellissima sorpresa.

Non vi dico di più della trama perché si tratta di un racconto breve, che va gustato dall’inizio alla fine proprio come gli altri libri di questa serie.

Come sempre l’autrice ci trasporta nel deserto di terra rossa, facendoci amare tutti i personaggi questa coppia bellissima, con una narrazione fluida e leggera, che non manca di sentimento e di ironia.

Consigliato? Ovviamente sì.

Sensualità: 

Recensione: 

Editing: 

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA