Recensione “Man in kilt” di Valentina Piazza

 

 

 

 

 

 

Emma è una pittrice di successo che si diverte a tormentare Angus McMurray, socio del fratello Aidan alla distilleria di Inverness. Giulia è una fotografa col pallino della Scozia che durante un pranzo molto fortunato incontra Aidan McKenzie, fratello di Emma e che verrà coinvolta in un week-end mozzafiato. Hanna Mitchell è la veterinaria di Inverness, durante una tempesta sarà costretta a bussare alla porta di niente meno che Duncan McLean, il pompiere più sexy delle Highlands. Seguite le tre ragazze in un romanzo a voci intrecciate, tra viaggi inaspettati, amiche simpaticissime, una battuta di pesca esilarante e una trovata geniale, alla ricerca del loro personale…Man in kilt!

Il secondo racconto della serie ci fa conoscere Emma, la sorella di Aidan, protagonista del primo racconto, da sempre innamorata di Angus, socio e amico di Aidan e troppo grande per lei, data la differenza di ben 11 anni. Eppure tra i due l’attrazione e l’interesse sono sempre stato altissimi, fino a quando non scoppia travolgendo loro e chi gli sta intorno.

Questo secondo libro l’ho trovato un po’ più coinvolgente, tuttavia restano le conclusioni dell’altro: le basi ci sono e sono interessanti, ma per renderlo un lavoro ottimo, cosa a cui tutti dovremmo aspirare, c’è ancora da lavorarci, sia nel testo sia nella sostanza.

Sensualità: 

Recensione: 

Editing: 

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA