Recensione “L’esca” di Jade West

 

 

 

 

 

 

Un estraneo online.
Capelli scuri e occhi cupi, che conoscono i miei più sporchi desideri ancora prima di me.
Una fantasia di cui non si dovrebbe mai parlare. Eppure, lui è riuscito a strapparmi una confessione.
E adesso verrà a cercarmi.
Rude. Perverso. Pericoloso.
Sarà una notte fatta per abbandonarsi e dimenticare.
Mi farà sua e fingerò di non volerlo.
Scapperò e lui mi inseguirà.
Perché gliel’ho chiesto io.
L’ho supplicato.
Stanotte, nelle tenebre, lui è il cacciatore.
E io sono l’esca.

Ero stata avvisata di approcciarmi a questo libro con molta cautela ma, come al solito, il mio spirito ribelle non ascolta mai i consigli che gli vengono dati.

Ho aperto il libro e mi sono buttata a capofitto sulla lettura, non ascoltando minimamente quello che mi era stato detto, e già dalle prime pagine mi sono resa conto che niente è come sembra.

Abigail, una ragazza comune, una donna come tante che si porta dietro il peso di un passato fastidioso. Una donna che si fa carico dei suoi trascorsi e lotta con tutte le sue forze per tornare a galla dopo essere affondata.

Un passato bruciato, un presente tranquillo e un futuro da ricostruire.

Siamo proprio sicuri però che i fantasmi che ci siamo lasciati alle spalle non vengano ad interferire anche sul presente e segnare il nostro futuro?

E’ proprio così che entra in scena Phoenix, una fenice, una fenice che rinasce dalle ceneri della sua vecchia vita. Una fenice che nasconde un cacciatore, una fenice che ha smesso di sentire per paura del dolore.

Una chat, un messaggio, un bisogno che non si può cancellare, ma che si deve assecondare. È proprio così la vita dei nostri personaggi. Una vita fatta di rimorsi, rimpianti e bisogni. Bisogni fisici e “perversi”. Bisogni che vanno soddisfatti ad ogni costo.

E se proprio questi bisogni facessero riaffiorare la voglia di amare?

Una corsa contro il tempo. Una preda e un predatore. Una preda che ha bisogni di essere presa e un cacciatore che ha bisogno di cacciare. Un mix di amore, sesso, paure e speranze.

Un libro che accende ciò che di sopito abbiamo in noi. Un libro che va letto tutto di un fiato e a cui dobbiamo dare la possibilità di scavarci dentro per apprezzarlo appieno.

Due anime ammaccate che solo se unite saranno perfette.

Siete pronti a lasciarvi travolgere dalle forti emozioni che lascia questo libro? Altrimenti correre sarà l’unica soluzione possibile…

SENSUALITA’: 

RECENSIONE A CURA DI: 

EDITING A CURA DI:

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA