Recensione “La ladra di memorie” di Evalith Adams

trama

In un mondo di oppressione e ingiustizia, Soteira sceglie di rischiare la propria vita per sottrarre all’oblio tutte coloro che hanno tentato di rivendicare la propria dignità e, con essa, la libertà negata.

Hermes è il messaggero di Zeus e la guida delle Ombre nel loro ultimo viaggio verso gli Inferi.

Il loro incontro permetterà a Soteira di scoprire la verità sul proprio passato e sul destino che la attende, mentre Hermes dovrà scegliere se rimanere fedele a Zeus o combatterlo al fianco della giovane mortale.

Tra profezie e rivelazioni, alleanze e tradimenti, Soteira sarà costretta a iniziare il cammino che la condurrà alla realizzazione del suo destino.

 «Sangue divino in vene mortali,

furor arde in lei e disio di flagelli.

D’Ombre infiammata, d’amor sorretta,

dal Fato a distribuir castighi eletta.

Financo Zeus soccomberà all’ultrice,

per mortali e dèi venerata Salvatrice.»

recensione

Adatto a tutte le età, è un romanzo ben scritto: la sua dovizia di particolari non deluderà nessuna aspettativa.

In questo primo volume della serie “Oblivion” l’autrice instaura le basi che permettono al lettore di addentrarsi e capire i meccanismi di questa particolare cittadina in cui le donne sono vendute, comprate, assoggettate agli uomini fino alla morte. Pena per ogni disobbedienza: il rogo.

Legata a doppio filo a questa cittadina ne esiste un’altra, gemella: qui sono relegate le divinità di un tempo perduto, lontane e diverse dai miti che ci sono stati tramandati sin dall’antichità che non rispecchiano la loro vera natura. Sono costrette a vivere un’eternità senza speranza o poteri a causa di Zeus, che ha imposto loro l’oblio, impedendo di farli adorare nel mondo terreno.

L’unico ad esimersi da questo destino è Hermes, il quale grazie alle sue funzioni di messaggero è libero di muoversi attraverso i mondi, per seguire gli ordini del padre. È durante una di queste missioni che si imbatte in Soteira, la ladra di memorie, intenta a dedicare la sua vita a rubare e proteggere oggetti prodotti da donne e destinati ad essere eliminati…e lei non è certamente il genere di ragazza che aspetta (o che accetta) di essere salvata. In effetti si rifiuta persino di credere alle sue parole, quando comincia a spiegarle chi è, e chi sono in realtà le donne per cui al momento è in lutto.

Tra divinità da scoprire, premonizioni da brivido, dubbi e speranze inattese, il lettore accompagnerà Soteira nel percorso deciso per lei dal fato, scoprendolo pian piano con lei.

Consigliato!

 

Recensione: pandora

Editing: Ele

 

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA