Recensione “Il codice (Ice Dragons Hockey Vol. 1)” di R. J. Scott

 

 

 

 

 

 

 

La vita e la carriera di Ryan Flynn nella squadra di hockey degli Ice Dragons sono scandite da un codice: amicizia, lealtà, rispetto, guida e protezione. Quando la sorella del suo migliore amico lo chiama perché la riaccompagni a casa dopo una rapina, è solo con un enorme sforzo di volontà che Ryan si ricorda che per lui la ragazza è off-limits. Non importa che lei rappresenti una tentazione troppo forte per un uomo già sull’orlo del precipizio: Ryan ha promesso a suo fratello che non permetterà a nessuno sportivo professionista di avvicinarla, e ciò include anche lui.
Kat ha desiderato Ryan Flynn sin dal primo momento in cui lo ha visto, ma c’è un problema: il giocatore di hockey è il migliore amico di suo fratello e i due sono legati da un complicato codice cavalleresco, sia fuori che dentro la pista. Quando lui la salva e la riporta a casa, Kat gli chiede un bacio e Ryan è ben felice di accontentarla. Le cose, però, sfuggono loro repentinamente di mano quando quel singolo bacio si trasforma in qualcosa da tenere nascosto al fratello di lei.
Riuscirà Ryan, il coriaceo difensore dei Dragons, a non vedere Kat come qualcosa di più che la sorella del suo migliore amico? E riuscirà Kat a catturare e tenere per sé quel “drago” che rappresenta la sua metà?

L’amicizia nasce nel momento in cui una persona dice ad un’altra: “Cosa? Anche tu? Credevo di essere l’unica”.


(C.S. Lewis)

Esistono amori che nascono all’improvviso, ci colpiscono e ci travolgono in tutto, amori che non riusciamo a realizzare, che si accendano e bruciano rapidamente, lasciandoci in molti casi distrutti. Ci sono poi amori che faticano a trovare la propria strada, perché i protagonisti, ognuno per le proprie scelte e paure, si tengono lontani a vicenda, sperando che i sentimenti svaniscano.

E se quest’amore, nonostante tutto, crescesse dopo giorno giorno, se fosse grande a tal punto che tutto quello che ci circonda non è nulla senza avere lei/lui al nostro fianco? Assecondare o combattere questo sentimento?

“Ed ecco cosa era lei: l’ultima donna con cui sarebbe mai stato, perché tutte le altre impallidivano al confronto.”
“Lo stesso idiota che l’amava allora, e che adesso non riusciva ancora a immaginare la propria vita senza di lei.”

Ryan è un giocatore di hockey, la squadra è la sua vita, il suo lavoro. Loky è il suo compagno di squadra ma è anche la sua famiglia, dopo un inizio da avversari sono diventati importanti l’uno per l’altro e insieme hanno superato tante difficoltà e ancora molte ne devono affrontare.
È un’amicizia talmente forte da far soffocare a Ryan l’amore che prova per Kat, sorella di Loky.

«Siamo giocatori di hockey. Scopiamo e ce ne andiamo, Ryan. È ciò che siamo. Non voglio questo per Kat.»

Ryan è diviso tra l’amore che prova, e che deve tener nascosto, e l’amicizia che lo lega a Loky e che non vuole mettere in pericolo, soprattutto quando si è promesso di proteggere come una sorella chi invece si ama da una vita. «Non lo permetterò. Te lo giuro.»
Fin dal primo bacio aveva capito che lei e solo lei sarebbe stata nella sua vita come compagna. “Era pericoloso. L’idea di baciare l’unica donna che avesse mai veramente amato in vita sua lo terrorizzava. Kat era proibita. Non soltanto perché non avrebbe mai voluto farle del male, ma anche perché lei aveva la capacità di ferirlo.”
“ma dopo quel bacio, quando si era scostato, Kat gli aveva visto lo shock dipinto sul volto.”

La paura però di dover affrontare quella che sicuramente sarà l’ira dell’amico porta Ryan ad avere comportamenti distaccati da Kat, imbarcandosi in storie asettiche da una notte e via.

Quando alla fine entrambi i nostri protagonisti capiscono che il loro amore è il loro futuro, una vita insieme, un amore che è nato e che va vissuto qualsiasi sia il suo percorso, solo allora sapranno affrontare tutto perché insieme. “E perché io farei qualsiasi cosa per Kathryn Lecour. Qualsiasi”

Che cosa penserà Loky di quest’amore? I ragazzi riusciranno a fargli capire quello che sono l’uno per l’altra?

 

EDITING A CURA DI

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA