Recensione di “WEDDING GIRL” di Raffaella Poggi

 

 

 

Eric Nolan è un uomo molto sicuro di sé, convinto di avere tutti in pugno: dalle ceneri delle attività di famiglia ha creato la NETline, la nuova realtà nel mondo dell’intrattenimento digitale. Ora si trova in un momento delicato e non può permettere a nessuno di intromettersi nei suoi affari. L’imprevisto, tuttavia, è dietro l’angolo: si chiama Charlotte McGraw, bionda e bellissima tentazione peccaminosa, pronta a mandare a monte il matrimonio di suo fratello Noah con Jade Kanakis, figlia di un ricco finanziatore della NETline. Ma quando Eric cerca di togliere di mezzo Charlotte, ecco che i guai entrano nella sua vita…

Parola d’ordine: spumeggiante. Non conoscevo l’autrice e sono rimasta piacevolmente sorpresa, dovrò rimediare leggendo anche l’altro suo romanzo.

Gli ingredienti ci sono tutti.

Parto dalla testa di serie, Eric: ecco, lui è l’uomo che tutte vorrebbero, bello, di successo, forte, un po’ strafottente e altamente affascinante ma che quando trova la persona giusta sa anche amare e molto. Dalle ceneri della vecchia azienda di famiglia ha creato un impero, guida azienda e famiglia come non ci fosse nulla di più facile e questo lo porta anche ad essere un tantino invadente.

Accanto ad un uomo così non poteva che esserci una donna che ne ha passate molte ma ha reagito e si è ricostruita una vita degna di questo nome e degna di un uomo come Eric. Charlotte è bella, algida, almeno all’apparenza, forte, determinata ma bisognosa di affetto, anzi, proprio del suo affetto.

L’attrazione che li lega e li unisce da subito non è casuale, non è un colpo di fulmine come inizialmente si crede, ha radici nel passato di entrambi, radici profonde che toccano il cuore e che si scopriranno pagina dopo pagina. Il lettore assapora la loro storia fin dai primi scambi di battute pungenti e sarcastiche e con loro attraversa le varie fasi dell’attrazione, dell’innamoramento, del rifiuto perché è troppo grande quello che provano, del riconoscimento che non possono fare a meno una dell’altro, è inevitabile, come inevitabile è finire su tutte le pagine dei rotocalchi, leggendo infami menzogne e faticando a fidarsi di chi invece già ama e lo fa per davvero.

Una bella storia d’amore che, pur essendo iniziata in modo frizzante in stile litigio che ormai ritengo divertente ma banale, ha saputo elevarsi a grande amore basandosi su forti sentimenti, nobili e onesti.

La scrittura è unica: scorrevole, veloce, moderna, ironica e profonda, tanto che non si può non divorare il romanzo in poche ore. Consigliatissimo.

 

SENSUALITA’

RECENSIONE A CURA DI

EDITING A CURA DI

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA