Recensione di “Smuovere le acque ( Wrench Wars – Gli assi del motore Vol.4)” di Marie Sexton

 

 

 

 

 

 

 

Ward Kent e Dean Zimmerman sono migliori amici sin dai tempi delle medie. Ora lavorano fianco a fianco nell’officina di Reggie, dove viene girato il reality show Wrench Wars – Gli assi dei motori. Fuori dall’orario di lavoro, Dean è un noto seduttore e l’amico gli fa da spalla. Non sospetta, però, che l’interesse di Ward è rivolto più alla fauna maschile che a quella femminile.

Tutto cambia quando Ash, il fratello minore di Dean, viene assunto all’officina. Ash sarà anche più giovane di loro di ben sette anni, ma ha una cotta per Ward da sempre e non si fa problemi a rendere note le proprie intenzioni.

Per Dean prendere atto che sia il fratello che l’amico sono gay è un conto, ma vederli insieme è più di quanto possa affrontare. Ward ne prende atto, ma viene messo alle strette: dovrà decidere se rinunciare alla loro amicizia – e anche al lavoro – oppure dire addio a Ash per sempre.

 

Ward e Dean sono migliori amici da sempre. Entrambi lavorano nell’officina di Reggi, una delle officine dove viene girato il reality Swhow Wrench-Wars. Dean sta davanti alle telecamere mentre Ward nella tana, la zona dove le telecamere sono vietate.

Ward non ha mai nascosto al suo amico di essere attratto dai ragazzi ma quest’ultimo sembra non aver mai preso sul serio la cosa, fino a quando in officina non arriva Ash, il fratello minore di Dean, anche lui gay.

Tra Ward e Ash nasce l’amore ma Dean non sembra disposto ad accettare la cosa e inizia a mettere i bastoni tra le ruote ai due ragazzi, fino a dare un ultimatum a Ward, che dovrà scegliere tra il lavoro e suo fratello.

Devo dire che anche questo capitolo della serie Gli assi dei motori mi è piaciuto. Nonostante sia, come gli altri, un racconto breve, non è affatto superficiale o privo di dettagli o intensità. Essendo molto breve è difficile fare una recensione che si dilunghi in dettagli per non rovinare troppo la lettura della storia. Quindi che aspettate? Andate a leggetelo!

 

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA