Recensione di “Quello giusto (Piccole cose Vol. 2)” di Piper Vaughn & M.J. O’Shea

 

 

 

 

 

 

Per anni Dustin Davis ha sognato un principe ma ha finito per baciare solo rospi. Quando vede per la prima volta Archer Kyriakides, è convinto che la sorte sia finalmente cambiata e che Archer sia quello giusto. I sentimenti contrastanti che prova in sua presenza lo lasciano però confuso: perché va tutto bene a un incontro e male a quello successivo? Non ha senso! Fino a quando non conosce il suo gemello, Asher, e non capisce di averli confusi più di una volta.

Asher Kyriakides sogna di diventare un fotografo d’alta moda, ma è incastrato in un lavoro che odia e con un fratello irresponsabile e libertino, le cui abitudini lo fanno impazzire, specialmente quando scopre che Archer sta uscendo con l’adorabile biondino a cui pensa da mesi. Combattuto tra desiderio e lealtà, Asher può solo cercare di mettere in guardia Dusty nei confronti del fratello.

Ma quando alla fine Archer si spinge troppo oltre, Dusty si rivolge ad Asher in cerca di aiuto, e lui sa di non potersi tirare indietro. Non impiegheranno molto a capire di essersi innamorati l’uno dell’altro, ma più di un ostacolo si mette sulla loro strada, non per ultimo Archer, che non è ancora disposto a smettere di essere una spina nel fianco del gemello.

Avevo già apprezzato particolarmente il primo libro di questa serie “La mia piccolina” e devo confessare che anche questo capitolo non mi è dispiaciuto, anzi.

Protagonista qui è Dustin, il migliore amico di Rue. La storia riprende esattamente da dove si era interrotta nel primo capitolo. Dusty è arrivato in California da un paio di giorni ed è al telefono con Rue ed Erik che lo stanno per raggiungere. Ed è proprio in quest’occasione che Dustin incontra Asher, che lo salva letteralmente da una caduta di faccia.

Dustin rimane spiazzato e prova emozioni molto intense davanti a quest’uomo bello e dal sorriso dolce. Ma poi Asher si allontana e Dustin ha il disperato bisogni di ritrovarlo. Non sa nulla di lui, non conosce il suo nome, non ha idea di come poterlo rintracciare. Quello che sa è che lo vuole.

Il destino glielo farà rincontrare qualche tempo dopo, ma il loro incontro stranamente non gli trasmette quelle emozioni così intense che ha provato la prima volta.

Solo più avanti Dustin scoprirà che l’uomo che lo attrae ha un fratello gemello, che se nell’aspetto somiglia ad Asher, nel carattere ne è l’esatto opposto.

Dustin e Asher dopo qualche imbarazzante incontro inizieranno davvero la loro storia quando Dustin lo chiamerà chiedendogli aiuto (il suo gemello Archer lo ha lasciato da solo in locale bdsm dall’altra parte della città).

La seconda parte del libro è sicuramente quella che ho apprezzato di più. Dustin e Asher iniziano la loro storia senza fretta, nonostante per entrambi sia stato un colpo di fulmine e ti aspetteresti che già al secondo appuntamento siamo in procinto di sposarsi e avere cinque figli. Invece no, Dustin e Asher si conoscono piano, cercano di non affrettare le cose, di vedere se davvero quello che li ha catturati è l’amore vero e non un fuoco di paglia.

Entrambi i personaggi sono ben delineati e ho apprezzato molto che dal libro si evincano le loro emozioni e i loro pensieri in modo molto naturale, senza forzature.

Ma ovviamente non tutto può andare liscio, no? Giusto… perché il nostro caro fratellino Archer causerà un bel po’ di problemi…

Allora cosa aspettate?  Di corsa a leggerlo.

 

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA